8.9 C
New York
venerdì, Luglio 12, 2024

UNCTAD: allarme per perturbazioni del commercio mondiale

GINEVRA, 26 GENNAIO – La Conferenza delle Nazioni Unite per il Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD) ha espresso profonda preoccupazione per l’intensificarsi delle “perturbazioni” del commercio globale, in particolare a causa delle tensioni geopolitiche che colpiscono il trasporto marittimo nel Mar Nero, dei recenti attacchi al trasporto marittimo nel Mar Rosso che interessano il Canale di Suez e dell’impatto del cambiamento climatico sul Canale di Panama.

L’UNCTAD sottolinea il ruolo critico del trasporto marittimo come spina dorsale del commercio internazionale, responsabile di oltre l’80% del movimento globale di merci.

Mar Nero, Canale di Panama e Canale di Suez

I recenti attacchi ai trasporti marittimi del Mar Rosso, uniti alle sfide geopolitiche e climatiche esistenti, hanno dato origine a una crisi complessa che interessa le principali rotte commerciali globali. L’UNCTAD stima che i transiti settimanali attraverso il Canale di Suez siano diminuiti del 42% negli ultimi due mesi. Il conflitto in corso in Ucraina ha innescato cambiamenti sostanziali nei traffici di petrolio e cereali, rimodellando i modelli commerciali consolidati. Allo stesso tempo, il Canale di Panama, un canale fondamentale per il commercio globale, è alle prese con la diminuzione dei livelli dell’acqua, che ha portato a un’impressionante riduzione del 36% dei transiti totali nell’ultimo mese rispetto a un anno fa. Le implicazioni a lungo termine del cambiamento climatico sulla capacità del canale stanno sollevando preoccupazioni circa l’impatto duraturo sulle catene di approvvigionamento globali.
La crisi nel Mar Rosso, caratterizzata da attacchi guidati dagli Houthi che hanno interrotto le rotte di navigazione, ha aggiunto un ulteriore livello di complessità. I principali operatori del settore marittimo hanno temporaneamente sospeso i transiti da Suez in risposta a questa situazione. In particolare, i transiti settimanali di navi porta-container sono crollati del 67% rispetto a un anno fa, mentre la capacità di trasporto di container, i transiti di navi cisterna e le navi che trasportano gas hanno subito cali significativi.
L’impennata delle tariffe medie di trasporto spot dei container durante l’ultima settimana di dicembre, pari a più 500 dollari in una settimana, è stato l’aumento settimanale più alto di sempre. Le tariffe medie di trasporto container spot da Shanghai questa settimana sono aumentate del 122% rispetto all’inizio di dicembre, ovvero sono più che raddoppiate. Le tariffe da Shanghai verso l’Europa sono aumentate del 256%, cioè più che triplicate. Anche le tariffe per la costa occidentale degli Stati Uniti sono aumentate oltre la media, sebbene non passino per Suez. In questo caso vediamo l’impatto globale della crisi, poiché le navi cercano rotte alternative, evitando Suez e il Canale di Panama.
L’effetto cumulativo di queste perturbazioni si traduce in un allungamento delle distanze dei carichi, in un aumento dei costi commerciali e in un aumento delle emissioni di gas serra dovuto al fatto che le navi devono percorrere distanze maggiori e a velocità maggiori.  Evitare i canali di Suez e Panama richiede più giorni di navigazione, con conseguente aumento delle spese. Il prezzo giornaliero del trasporto marittimo e i premi assicurativi sono aumentati, aggravando il costo complessivo del transito. Inoltre, le navi sono costrette a viaggiare più velocemente per compensare le deviazioni, bruciando più carburante per miglio ed emettendo più CO2, aggravando ulteriormente le problematiche ambientali.

Implicazioni globali: aumento dei prezzi di cibo ed energia.

L’UNCTAD sottolinea le implicazioni economiche di vasta portata di queste interruzioni. Interruzioni prolungate, in particolare nel trasporto dei container, rappresentano una minaccia diretta per le catene di approvvigionamento globali, con potenziali ritardi nelle consegne e un aumento dei costi.Sebbene le attuali tariffe dei container siano circa la metà del picco raggiunto durante la crisi Covid, il trasferimento ai consumatori di tariffe di trasporto più elevate richiede tempo, e si prevede che il pieno impatto si manifesti entro un anno.
I prezzi dell’energia stanno subendo un’impennata a causa dell’interruzione dei transiti di gas, con un impatto diretto sulle forniture energetiche, soprattutto in Europa.La crisi si ripercuote anche sui prezzi dei prodotti alimentari a livello mondiale, con distanze più lunghe e tariffe di trasporto più elevate che potrebbero tradursi in un aumento dei costi.Le interruzioni delle spedizioni di grano da Europa, Russia e Ucraina rappresentano un rischio per la sicurezza alimentare globale, con ripercussioni sui consumatori e una riduzione dei prezzi pagati ai produttori.Impatto sui Paesi in via di sviluppo
I Paesi in via di sviluppo sono particolarmente vulnerabili a queste interruzioni e l’UNCTAD rimane vigile nel monitorare l’evolversi della situazione.
L’organizzazione sottolinea l’urgente necessità di un rapido adattamento da parte dell’industria del trasporto marittimo e di una solida cooperazione internazionale per far fronte alla rapida rimodulazione delle dinamiche commerciali globali.Le sfide attuali sottolineano la vulnerabilità del commercio alle tensioni geopolitiche e alle sfide legate al clima, richiedendo sforzi collettivi per soluzioni sostenibili, soprattutto a sostegno dei Paesi più vulnerabili a questi shock. (@OnuItalia)
OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli