8.9 C
New York
sabato, Luglio 20, 2024

Onu: Possiamo porre fine all’epidemia di Aids entro il 2030, ma servono investimenti

GINEVRA, 14 LUGLIO – Un nuovo rapporto pubblicato da UNAIDS mostra che esiste un percorso chiaro per porre fine all’AIDS. Questo percorso aiuterà anche a preparare e affrontare future pandemie e a far progredire i progressi verso il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Il rapporto, “The Path that Ends AIDS”, contiene dati e studi di casi che evidenziano che porre fine all’AIDS è una scelta politica e finanziaria e che i paesi e i leader che stanno già seguendo il percorso stanno ottenendo risultati straordinari.

Botswana, Eswatini, Ruanda, Tanzania e Zimbabwe hanno già raggiunto gli obiettivi “95-95-95”. Ciò significa che il 95% delle persone che vivono con l’HIV conosce il proprio stato di HIV, il 95% delle persone che sanno di vivere con l’HIV sono in trattamento antiretrovirale salvavita e il 95% delle persone che sono in trattamento sono soppresse viralmente. Altri 16 paesi, otto dei quali nell’Africa sub-sahariana, la regione che rappresenta il 65% di tutte le persone che vivono con l’HIV, sono vicini a farlo.

Winnie Byanyima

“La fine dell’AIDS è un’opportunità straordinariamente potente per i leader di oggi”, ha dichiarato Winnie Byanyima, direttore esecutivo di UNAIDS “Potrebbero essere ricordati dalle generazioni future come coloro che hanno fermato la pandemia più mortale del mondo. Potrebbero salvare milioni di vite e proteggere la salute di tutti. Potrebbero mostrare cosa può fare la leadership”. Il rapporto evidenzia che le risposte all’HIV hanno successo quando sono ancorate a una forte leadership politica. Ciò significa seguire i dati, la scienza e le prove; affrontare le disuguaglianze che frenano il progresso; consentire alle comunità e alle organizzazioni della società civile di svolgere il loro ruolo vitale nella risposta; e garantire finanziamenti sufficienti e sostenibili.

I progressi sono stati più forti nei paesi e nelle regioni che hanno il maggior numero di investimenti finanziari, come nell’Africa orientale e meridionale, dove le nuove infezioni da HIV sono state ridotte del 57% dal 2010. Grazie al sostegno e agli investimenti per porre fine all’AIDS tra i bambini, l’82% delle donne incinte e che allattano che vivono con l’HIV a livello globale ha avuto accesso al trattamento antiretrovirale nel 2022, rispetto al 46% nel 2010. Ciò ha portato a una riduzione del 58% delle nuove infezioni da HIV tra i bambini dal 2010 al 2022, il numero più basso dal 1980.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli