8.9 C
New York
venerdì, Luglio 19, 2024

FAO: si impenna ancora l’insicurezza alimentare nel mondo; 260 milioni di persone colpite dalla fame

ROMA, 3 MAGGIO – Nuova impennata del numero di persone che soffrono di fame, insicurezza alimentare acuta e che necessitano di assistenza alimentare urgente, nutrizionale e di sostentamento: secondo le Nazioni Unite è aumentato per il quarto anno consecutivo nel 2022, con oltre un quarto di miliardo di persone che affrontano la fame acuta e persone in sette paesi sull’orlo della fame, secondo l’ultimo Global Report on Food Crises (GRFC).

I DATIFame

Il rapporto annuale, prodotto dal Food Security Information Network (FSIN), è stato lanciato oggi dal Global Network Against Food Crises (GNAFC) – un’alleanza internazionale delle Nazioni Unite, dell’Unione Europea, agenzie governative e non governative, che lavorano insieme per affrontare le crisi alimentari.
Il rapporto rileva che circa 258 milioni di persone in 58 paesi e territori hanno affrontato un’insicurezza alimentare acuta a livelli di crisi o peggiori nel 2022, rispetto a 193 milioni di persone in 53 paesi e territori nel 2021. Questo è il numero più alto nei sette anni di storia del rapporto. Tuttavia, gran parte di questa crescita riflette un aumento della popolazione analizzata. Nel 2022, la gravità dell’insicurezza alimentare acuta è aumentata al 22,7%, dal 21,3% nel 2021, ma rimane inaccettabilmente alta e sottolinea una tendenza al deterioramento dell’insicurezza alimentare acuta globale.
“Più di un quarto di miliardo di persone stanno affrontando livelli acuti di fame, e alcuni sono sull’orlo della fame. Questo è inconcepibile”, ha scritto il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres nella prefazione del rapporto. “Questa settima edizione del Global Report sulle crisi alimentari è un fermo atto d’accusa contro l’incapacità dell’umanità di fare progressi verso l’obiettivo di sviluppo sostenibile 2 per porre fine alla fame e raggiungere la sicurezza alimentare e una migliore nutrizione per tutti”.
Secondo il rapporto, oltre il 40% della popolazione nella fase acuta risiedeva in soli cinque paesi: Afghanistan, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, aree della Nigeria (21 stati e il Territorio della Capitale Federale – FCT) e Yemen.
Le persone in sette paesi hanno affrontato fame e indigenza, o livelli catastrofici di fame acuta ad un certo punto durante il 2022. Più della metà di questi erano in Somalia (57 per cento), mentre tali circostanze estreme si sono verificate anche in Afghanistan, Burkina Faso, Haiti (per la prima volta nella storia del paese), Nigeria, Sud Sudan e Yemen.
Inoltre, in 30 dei 42 principali contesti di crisi alimentare analizzati nel rapporto, oltre 35 milioni di bambini sotto i cinque anni di età hanno sofferto di deperimento o malnutrizione acuta, con 9,2 milioni di loro con grave deperimento, la forma più pericolosa per la vita di denutrizione e un grave contribuire all’aumento della mortalità infantile.
Mentre i conflitti e gli eventi meteorologici estremi continuano a causare un’acuta insicurezza alimentare e malnutrizione, anche le ricadute economiche della pandemia di СOVID-19 e gli effetti a catena della guerra in Ucraina sono diventati i principali motori della fame, in particolare nel i paesi più poveri del mondo, principalmente a causa della loro elevata dipendenza dalle importazioni di fattori di produzione alimentari e agricoli e della vulnerabilità agli shock globali dei prezzi alimentari.fame zero
Gli shock economici hanno superato il conflitto come principale motore dell’insicurezza alimentare acuta e della malnutrizione in diverse gravi crisi alimentari. Gli shock economici globali cumulativi, tra cui l’impennata dei prezzi alimentari e gravi perturbazioni dei mercati, minano nei paesi resilienza e capacità di rispondere alle crisi.
I risultati del rapporto confermano che la guerra in Ucraina ha avuto un impatto negativo sulla sicurezza alimentare globale a causa dei principali contributi sia dell’Ucraina che della Russia alla produzione e al commercio globali di carburante, input agricoli e alimenti essenziali. materie prime, in particolare grano, mais e olio di girasole. La guerra in Ucraina ha interrotto la produzione agricola e il commercio nella regione del Mar Nero, innescando un picco senza precedenti dei prezzi alimentari internazionali nella prima metà del 2022.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli