8.9 C
New York
venerdì, Maggio 24, 2024

Migranti: rapporto Onu denuncia violazioni diritti umani e sparizioni lungo viaggio

ROMA, 19 DICEMBRE – Nessuno dovrebbe rinunciare al proprio diritto umano di migrare per trovare un salario dignitoso, ha affermato l’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite, l’OHCHR in un nuovo rapporto pubblicato alla vigilia della Giornata Internazionale dei migranti.
Il rapporto, intitolato ‘We wanted workers, but human beings came’, (Volevamo lavoratori, ma sono arrivati gli esseri umani), si concentra sui programmi in atto nella regione dell’Asia-Pacifico, la più grande area di provenienza di migranti al mondo le cui condizioni si ritrovano comunque in qualsiasi altro continente.
”I lavoratori migranti sono spesso disumanizzati – ha affermato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Volker Türk, ricordando che – sono esseri umani che hanno diritto ai diritti umani e alla piena protezione della loro dignità umana””.

Volker Turk

Alla vigilia della Giornata internazionale dei migranti esperti indipendenti di diritti umani nominati dalle Nazioni Unite hanno invitato gli Stati ad accelerare con urgenza gli sforzi per affrontare la sparizione forzata dei migranti. ”È urgente e necessario un coordinamento efficace e sistematico tra i paesi lungo il percorso fatto da questi esseri umani”, hanno affermato.
Ogni anno, milioni di persone lasciano i loro paesi nell’ambito di programmi di migrazione temporanea per lavoro che promettono vantaggi economici per i paesi di destinazione e dividendi per lo sviluppo ai paesi di origine. Il rapporto descrive in dettaglio come in molti casi i programmi di lavoro temporaneo impongono una serie di restrizioni inaccettabili sui diritti umani.
Sottolinea come i lavoratori migranti siano spesso costretti a vivere in alloggi sovraffollati e antigienici, impossibilitati a permettersi cibo nutriente, privati di un’assistenza sanitaria adeguata e debbano affrontare una separazione prolungata e talvolta obbligatoria dalle loro famiglie. Inoltre, le politiche che li escludono dal sostegno del governo in alcuni paesi espongono i migranti a un rischio sproporzionato di infezione da COVID-19, afferma il rapporto.
”Non ci si dovrebbe aspettare che rinuncino ai loro diritti in cambio della possibilità di migrare per lavoro, per quanto cruciale sia per loro e per le loro famiglie, e per le economie dei loro paesi di origine e di destinazione”, ha sottolineato Türk. ”Le misure che limitano i diritti umani non possono essere giustificate sostenendo che lo status di immigrazione dei migranti è temporaneo, né gli Stati possono delegare ai datori di lavoro e ad altri attori privati il loro obbligo di garantire i diritti umani di tutti i lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie – ha aggiunto Türk – Gli Stati devono mettere in atto politiche di migrazione del lavoro basate sui diritti umani lungo i corridoi migratori da e verso l’Asia e il Pacifico come alternativa a programmi temporanei restrittivi e, in alcuni casi, di sfruttamento”.Citando le stime dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM), hanno affermato che oltre 35.000 migranti sono morti o scomparsi dal 2014. Tuttavia, non esistono cifre esatte sulla percentuale di sparizioni forzate nei casi che coinvolgono agenti statali o persone che agiscono con l’autorizzazione, il sostegno o l’acquiescenza dei paesi. Ma le informazioni indicano che la maggior parte delle sparizioni avviene durante procedure di detenzione o espulsione o a causa del traffico o della tratta di migranti.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli