8.9 C
New York
giovedì, Maggio 30, 2024

OIL: primo accordo globale sulle condizioni di lavoro dei calciatori professionisti

GINEVRA, 27 SETTEMBRE – L’agenzia per il lavoro delle Nazioni Unite (OIL) ha accolto il primo accordo globale sulle condizioni di lavoro e sui diritti dei calciatori professionisti sia nel calcio maschile che in quello femminile.
“Organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori libere, indipendenti, forti e rappresentative, insieme alla fiducia, all’impegno e al rispetto da parte dei governi per l’autonomia delle parti sociali, sono condizioni chiave per un dialogo sociale efficace nel calcio”, ha dichiarato Guy Ryder, capo dell’OIL, alla cerimonia della firma presso la sede dell’agenzia a Ginevra.

Guy Ryder

L’accordo crea un nuovo quadro di contrattazione internazionale tra il World Leagues Forum (WLF) – che rappresenta 44 leghe nazionali di calcio professionistico che comprendono circa 1.100 club – e FIFPRO, il sindacato globale dei calciatori – che rappresenta oltre 60.000 giocatori di calcio professionisti come dipendenti nell’industria del calcio internazionale, attraverso 66 sindacati nazionali di giocatori in Africa, Americhe, Asia, Europa e Oceania.
I rappresentanti dei datori di lavoro e dei lavoratori hanno firmato il Global Labour Agreement per i calciatori professionisti, accettando di assumersi una maggiore responsabilità nel trovare soluzioni collettive alle sfide che il settore deve affrontare.
Il patto riconosce che gli standard concordati collettivamente miglioreranno i rapporti di lavoro nel gioco professionistico e la redditività e la crescita dello sport ‘ricco’.
L’accordo fornirà una piattaforma per discutere le regole per proteggere la salute e la sicurezza dei giocatori insieme all’impegno a migliorare la rappresentanza e il coinvolgimento delle leghe nazionali, dei loro club membri e dei sindacati dei giocatori.
Inoltre, riconosce la necessità di una maggiore rappresentanza e considerazione per il calcio femminile, comprese le questioni relative alle competizioni nazionali, ai club e ai giocatori.“Il calcio ha il potere di ispirare e unire persone di tutte le nazionalità e ceti sociali, indipendentemente dal genere e dall’etnia”, ha sostenuto il capo dell’ILO, aggiungendo che i giocatori “devono essere protetti dai principi e dai diritti fondamentali sul lavoro”.
L’accordo segue i principi e i diritti fondamentali sul lavoro stabiliti dall’ILO nella Dichiarazione del 1998 sui principi e i diritti fondamentali nel lavoro, che è stata modificata nel 2022. È inoltre in linea con i punti di consenso del Forum di dialogo globale dell’ILO sul lavoro dignitoso nel mondo dello sport (2020).

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli