8.9 C
New York
mercoledì, Maggio 22, 2024

Unesco: Padova festeggia un anno nella lista seriale del ‘Ciclo degli affreschi’

PADOVA, 26 LUGLIO – La città di Padova ha celebrato il primo anno di iscrizione del Sito seriale ‘I Cicli Affrescati del XIV secolo di Padova’ alla World Heritage List dell’UNESCO.  Con questo riconoscimento, la città veneta è entrata per la seconda volta, dopo l’inserimento dell’Orto Botanico nel 1997, nella lista dei siti del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO diventando, insieme a Tivoli, una delle poche città al mondo a custodirne due.Il sito è composto da otto complessi monumentali comprensivi di edifici religiosi e civili situati all’interno della storica città murata di Padova, che ospitano una selezione di cicli di affreschi, dipinti tra il 1302 e il 1397 da numeosi artisti per svariati committenti. Essi includono il ciclo della Cappella degli Scrovegni di Giotto, considerato l’inizio di uno sviluppo rivoluzionario nella storia della pittura murale, così come altre opere di diversi artisti, quali Guariento di Arpo, Giusto de’ Menabuoi, Altichiero da Zevio, Jacopo Avanzi e Jacopo da Verona.
Nell’arco di questi 365 giorni il Comune, insieme agli altri enti proprietari dei luoghi iscritti, ha lavorato per creare un articolato piano di attività in grado di rendere il Sito uno strumento di conoscenza e inclusione, di sviluppo sociale ed economico, un volano di crescita sostenibile per la città e il territorio, accogliendo così la missione affidata dal Centro del Patrimonio Mondiale.

In questo anno, un’attenzione particolare è stata rivolta al tema dell’inclusività: dalla scorsa primavera Padova è l’unica città italiana ad avere sviluppato un sistema di informazioni turistiche completamente accessibile alle persone sorde. Ha poi lanciato l’applicazione Padova Urbs picta, che accompagna i visitatori nei luoghi del Sito in maniera gratuita, semplice e inclusiva, assieme alla Padova Urbs picta Card, il biglietto unico che consente la visita a tutti i luoghi che custodiscono ‘I Cicli Affrescati del XIV secolo di Padova’.
Il Sito seriale è stato sponsorizzato anche all’estero, attraverso campagne di promozione collegate con i diversi enti nazionali: per esempio con la campagna video realizzata in lingua giapponese per ENIT Tokyo e con le giornate di incontro con gli operatori e i giornalisti stranieri, anche in occasione di fiere ed eventi internazionali, nei quali la Urbs picta ha dominato la scena.Non sono mancate le occasioni di studio, scambio e riflessione che hanno visto esperti, tecnici e alte professionalità del settore culturale partecipare a due convegni, organizzati e promossi dal Settore Cultura del Comune di Padova. Il primo ha trattato di valutazione del rischio nei beni culturali e il secondo si è concentrato sul rapporto che intercorre fra siti Patrimonio Mondiale e i musei, alla ricerca di buone prassi e di nuove collaborazioni. Importante anche la partecipazione a convegni di carattere internazionale come quello organizzato dall’Università di Cohimbra in Portogallo sul tema ‘Sostenibilità e Patrimonio. Le sfide poste dal turismo’.
Molte sono state le attività organizzate per la comunità locale. Fra queste la Road Map nei Quartieri curata dall’Associazione ImmaginArte: una serie di incontri per raccontare il Sito seriale nelle sedi delle consulte di quartiere della città, per diffondere il messaggio del Patrimonio Mondiale Unesco anche attraverso le attività agonistiche, come accaduto per la Padova Marathon e il campionato mondiale di Quan Ki Do.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli