8.9 C
New York
martedì, Luglio 23, 2024

Ucraina: stupri di guerra, ONU firma accordo quadro per assistere sopravvissuti a violenze

KIEV, 4 MAGGIO – I diritti delle donne non finiscono quando iniziano le guerre: Pramila Patten, la rappresentante speciale del segretario generale dell’Onu che lavora per porre fine agli stupri in guerra, ha tenuto oggi una conferenza stampa nella capitale Ucraina, Kiev, e ha delineato misure per garantire la giustizia e attribuire la responsabilità per le violenza sessuali commesse durante il conflitto nel paese. Al fianco di Olha Stefanishyna, vice primo ministro ucraino per l’integrazione europea ed euro-atlantica, ha espresso solidarietà ai sopravvissuti, dicendo che non sono soli.

”La mia promessa è che il diritto internazionale non sarà una promessa vuota. La documentazione di oggi sarà l’accusa di domani. E voglio che sappiate che i vostri diritti non finiscono quando iniziano le guerre” – ha detto Patten – ”I vostri corpi non sono un campo di battaglia”. Patten e Stefanishyna hanno firmato martedì un accordo quadro di cooperazione che sostiene la progettazione e la fornitura di interventi prioritari nelle aree della giustizia e della responsabilità come pilastro centrale della deterrenza e della prevenzione. L’accordo affronta anche la fornitura di servizi completi per i sopravvissuti, compresi i servizi di salute sessuale e riproduttiva, i servizi medici e di salute mentale specializzati, l’assistenza legale e il sostegno ai mezzi di sussistenza.

Per Stefanishyna la violenza sessuale commessa in guerra è ”uno dei  crimine più silenziosi…. E’ difficile raccogliere informazioni, ma oggi abbiamo iniziato a lavorare per questo utilizzando volontari, lavorando con le strutture mediche e documentando questi casi al di fuori dei procedimenti penali”.

Coinvolti anche uomini e ragazzi
Sebbene la violenza sessuale sia per lo più perpetrata contro donne e ragazze, Patten ha detto di aver anche ricevuto segnalazioni di casi che coinvolgono uomini e ragazzi che l’ONU non ha ancora verificato. ”Sto lavorando con le diverse agenzie dell’ONU per assicurare che ci siano servizi adatti ai bisogni degli uomini e dei ragazzi, perché ovunque, in molte situazioni di conflitto, ho osservato che c’è una mancanza di servizi adatti ai loro bisogni”, ha spiegato.

Pramila Patten

Prevenire il traffico di esseri umani
L’accordo quadro copre anche la riforma del settore della sicurezza che tiene conto del genere, così come la prevenzione del traffico legato al conflitto, in un contesto di crescente spostamento. Più di cinque milioni di persone sono fuggite dall’Ucraina da quando la guerra è iniziata poco più di due mesi fa, generando la crisi dei rifugiati in più rapida crescita dalla seconda guerra mondiale, secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, UNHCR.

Il mandato del Rappresentante Speciale delle Nazioni Unite è stato stabilito dal Consiglio di Sicurezza più di un decennio fa, per affrontare la violenza sessuale legata ai conflitti come una questione di pace e sicurezza. Il diritto umano internazionale chiarisce che anche le guerre hanno dei limiti, ha concluso Patten. ”Lo stupro in tempo di guerra non può più essere liquidato come un inevitabile sottoprodotto della guerra. Deve essere riconosciuto da tutte le parti come un crimine che può essere prevenuto e punito”.

 

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli