8.9 C
New York
giovedì, Maggio 30, 2024

Ucraina: Grandi fa il punto; due milioni di profughi, ansia per centrali nucleari

ROMA, 9 MARZO – L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati Filippo Grandi ha fatto il punto della situazione dei profughi dall’Ucraina e ha elogiato i paesi europei che accolgono le persone in fuga dalla guerra, il cui numero ora supera i due milioni.
“La risposta dell’Europa è stata notevole” ha detto esortando le altre nazioni a farsi avanti. Grandi ha osservato che la direttiva sulla protezione temporanea dell’Unione europea, annunciata giovedì scorso, “offre ai rifugiati sicurezza e opzioni, una possibilità di stabilità durante un periodo di grandi sconvolgimenti”.

Filippo Grandi

Grandi, capo dell’agenzia dell’UNHCR, ha trascorso cinque giorni nella regione dove ha incontrato rifugiati, operatori umanitari, soccorritori locali e esponenti governativi.
Alle frontiere ho visto un esodo di persone, per lo più donne e bambini, insieme a rifugiati anziani e persone con disabilità. Sono arrivati scioccati e profondamente colpiti dalla violenza e dai loro durissimi viaggi verso la salvezza. Le famiglie sono state insensatamente distrutte. Tragicamente, a meno che la guerra non venga fermata, lo stesso avverrà per molti altri”, ha detto.
Gli ucraini si sono riversati nei paesi vicini dall’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio.
La maggior parte, più di 1,2 milioni, si è diretta in Polonia. Altri hanno attraversato l’Ungheria, la Moldavia, la Romania, la Slovacchia e oltre.Grandi ha riferito che l’UNHCR sta sostenendo il coordinamento della risposta umanitaria. “Decine di esperti e decine di milioni di dollari di aiuti” sono stati anche dispiegati per sostenere i governi nel fornire assistenza materiale e in denaro, mentre le squadre di protezione sono state rafforzate per soddisfare le esigenze di donne e bambini. Il responsabile dell’Onu ha tuttavia invitato la comunità internazionale a intensificare gli sforzi per fornire maggiore sostegno ai rifugiati e alle comunità ospitanti, in particolare in Moldavia. Circa 250.000 persone hanno trovato rifugio lì.
“Tutti gli Stati europei devono continuare a mostrare generosità. Anche altri paesi, al di fuori dell’Europa, hanno un ruolo importante da svolgere per aiutare le persone bisognose e condividere la responsabilità internazionale per milioni di rifugiati”, ha affermato Grandi.
Mentre era nella regione Grandi si è anche detto preoccupato per la discriminazione e il razzismo contro alcune comunità in fuga dall’Ucraina. Le autorità gli hanno assicurato che non discrimineranno o respingeranno le persone che fuggono.Nel frattempo, la situazione all’interno dell’Ucraina rimane drammatica: a partire da lunedì, sono state registrate circa 1.335 persone colpite, tra cui 474 morti, secondo l’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite, OHCHR, anche se si ritiene che le cifre reali siano considerevolmente più alte.
Il portavoce delle Nazioni Unite Stéphane Dujarric ha detto martedì che le squadre dell’Onu e le fonti indipendenti hanno riferito di pesanti combattimenti a est e nord-est, tra cui Mariupol, Chuhuiv, Kharkiv, Izyum, Chernihiv, Sumy e Sievierodonetsk. Scontri estremamente violenti sono stati segnalati anche nel nord, alla periferia della capitale Kiev, tra cui Bucha, Hostomel e Irpin.
Le persone intrappolate in alcune di queste aree non hanno accesso ai rifornimenti, ha detto Dujarric, aggiungendo: “Accogliamo con favore l’intenzione delle due parti di facilitare il passaggio sicuro per i civili fuori dalle aree di conflitto tra cui Mariupol, Kharkiv e Sumy”.
Gli operatori umanitari stanno aumentando la risposta a est e a ovest. Il partner delle Nazioni Unite, il Comitato Internazionale della Croce Rossa, ha fornito più di 200.000 presidi medici alle cliniche mobili, mentre Medici Senza Frontiere (MSF) ha consegnato circa 120 metri cubi di forniture mediche al paese.  Dujarric ha detto che l’attenzione in Occidente è principalmente sul sostegno agli sfollati interni. L’agenzia delle Nazioni Unite per la migrazione OIM ha finora consegnato più di 18.000 coperte termiche alte, mentre l’UNHCR ha fornito coperte e materassi termici per 6.000 persone. Ha aggiunto che gli operatori umanitari hanno istituito un centro comune di coordinamento delle operazioni a Rzeszow, in Polonia, per tutte le organizzazioni che rispondono alla crisi in Ucraina e nei paesi limitrofi.

La centrale di Chernobyl

Infine la centrale di Chernobyl: nel suo ultimo aggiornamento, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) continua a esprimere preoccupazione per la centrale nucleare di Chernobyl, luogo del devastante incidente del 1986, e per la “situazione stressante” che deve affrontare il suo personale che è stato confinato lì. Circa 210 tecnici e guardie del sito hanno lavorato da quando le forze russe hanno preso il controllo della struttura quasi due settimane fa.
Il capo dell’AIEA Rafael Mariano Grossi ha detto che le autorità di regolamentazione ucraine hanno informato l’agenzia che sta diventando sempre più urgente e importante che il personale sia ruotato. Hanno chiesto all’AIEA “di guidare l’azione internazionale necessaria per preparare un piano per sostituire il personale attuale e per fornire alla struttura un efficace sistema di rotazione”. Grossi ha sottolineato che il personale che gestisce impianti nucleari deve essere in grado di riposare e lavorare in turni regolari e ha nuovamente espresso la disponibilità a recarsi alla centrale di Chernobyl, o altrove, nel tentativo di aiutare a proteggere gli impianti nucleari del paese.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli