8.9 C
New York
lunedì, Maggio 27, 2024

FAO e AIEA insieme per combattere flagello delle microplastiche (anche nel cibo)

ROMA, 5 LUGLIO – Le immagini delle isole di immondizia che galleggiano sulla superficie degli oceani sono diventate un appello a mobilitarsi per affrontare l’inquinamento da plastica, ma c’è di più di quanto sembri in questa sfida. Mentre la plastica e le microplastiche – frammenti più piccoli di 5 mm – si accumulano e hanno un impatto sugli ambienti marini, gran parte del problema è radicato nella contaminazione del suolo. Secondo uno studio pubblicato su Global Change Biology, si stima che l’inquinamento da plastica terrestre, che spesso alimenta gli oceani, sia almeno quattro volte superiore a quello che c’è negli oceani.

Per contribuire a mitigare l’inquinamento da plastica e i suoi effetti complessivi sull’ambiente, sugli organismi viventi e sulla catena alimentare, l’AIEA, in collaborazione con la FAO, sta avviando attività di ricerca e sviluppo per studiare il destino delle microplastiche utilizzando tecniche nucleari “Il suolo è la principale fonte di microplastiche che raggiungono gli oceani attraverso l’erosione del suolo e il deflusso superficiale”, ha affermato Nanthi Bolan, professore di chimica ambientale presso l’Università di Newcastle, in Australia, e coautore di uno studio pubblicato di recente sulle microplastiche nei suoli. ”Il suolo svolge un ruolo importante nella trasformazione dei contaminanti e nel loro successivo trasferimento in altri comparti ambientali, compreso l’oceano con microplastiche e l’atmosfera con emissioni, come il protossido di azoto”. La plastica si deposita nel suolo attraverso lo smaltimento nelle discariche, nonché attraverso l’uso di fogli di plastica in agricoltura o l’applicazione di compost contaminato da microplastiche. ”Lo smaltimento diretto della plastica negli oceani è relativamente meno pronunciato rispetto al trasferimento di microplastiche dalla terraferma. Le microplastiche, più leggere delle particelle del suolo, come sabbia, limo e argilla, si disperdono facilmente nei corsi d’acqua”, ha aggiunto Bolan.plastica
“Identificare le fonti di inquinamento da microplastiche e creare consapevolezza contribuirà notevolmente a prevenire l’introduzione di microplastiche nell’ambiente”, ha affermato da parte sua Lee Heng, capo del sottoprogramma per la gestione del suolo e dell’acqua e la nutrizione delle colture presso il Centro congiunto FAO/AIEA di nucleare.
Nel 2020, l’AIEA ha acquisito apparecchiature che verranno utilizzate per esaminare la capacità di vari microbioti di degradare i substrati di plastica sintetica, ha spiegato Heng.
Le microplastiche nella catena alimentare
A causa delle loro piccole dimensioni, le microplastiche, in particolare le nanoplastiche risultanti dalla degradazione della microplastica, possono entrare negli organi interni degli organismi, dove potrebbero potenzialmente trasferire i contaminanti ad essi legati. Questi possono includere inquinanti organici persistenti, come i policlorobifenili (PCB), così come tracce di metalli come mercurio e piombo. La plastica e gli inquinanti che si accumulano al loro interno entrano nella catena alimentare e possono eventualmente essere trasferiti all’uomo, causando crescenti preoccupazioni per la sicurezza alimentare.
I laboratori del Centro Congiunto FAO/AIEA sono attrezzati per ricercare la presenza di microplastiche negli alimenti, consentendo la valutazione e la gestione del rischio, ha affermato Andrew Cannavan, capo della sezione di protezione alimentare e ambientale del Centro comune. L’AIEA ha la capacità e la strumentazione per sviluppare e trasferire metodi analitici per additivi e componenti plastici che sono un problema a causa dell’inquinamento da plastica e microplastica, ha aggiunto.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli