8.9 C
New York
giovedì, Luglio 18, 2024

LGBTI: Italia con 53 paesi, riflettori puntati su impatto COVID-19

NEW YORK, 19 MAGGIO – In qualità di membro del Core Group LGBTI delle Nazioni Unite, l’Italia ha firmato con altri 53 stati membri una Dichiarazione sulla Giornata internazionale contro l’omofobia in cui si mette in luce l’impatto della pandemia COVID-19 sulle persone che affrontano il virus da molteplici, intersecanti forme di discriminazione, tra cui le persone LGBTI.

“L’attuale crisi della salute pubblica causata dalla pandemia di COVID-19 ha presentato sfide senza precedenti che colpiscono la comunità globale nel suo insieme, ma hanno anche un effetto particolare su coloro che affrontano forme multiple e intersecanti di discriminazione, comprese le persone LGBTI. La pandemia di COVID-19 ha portato a una crisi della sicurezza umana diffusa in termini di portata e di impatto, con conseguente pericolo per la  sopravvivenza, la salute, sicurezza, sicurezza economica e i diritti umani. Per affrontare veramente gli impatti e le conseguenze della pandemia, devono essere affrontate le esigenze delle persone più vulnerabili e più colpite”, si legge nella dichiarazione.

Anche prima dell’attuale pandemia di COVID-19, le persone LGBTI hanno spesso dovuto affrontare violenze e discriminazioni che impediscono il pieno godimento dei diritti umani. Molti di loro sono già lasciati indietro e a tal fine, gli Stati membri ricordano che solo 30 anni fa, l’OMS ha rimosso l’omosessualità dalla sua classificazione internazionale delle malattie. “Le persone LGBTI condividono esperienze comuni di emarginazione basate sull’orientamento sessuale, identità ed espressione di genere e caratteristiche sessuali e molte di loro affrontano anche forme intersecanti di discriminazione basate su genere, età, razza, etnia, religione o credo, capacità, stato socioeconomico, migrazione e altri fattori che determinano l’esclusione. Ciò è stato reso ancora più chiaro durante la pandemia di COVID-19”.

Inoltre, alcune persone LGBTI soffrono di condizioni di salute che aggravano il tasso di morbilità e mortalità da COVID-19. Queste condizioni sottostanti possono essere aggravate da fattori sociali e psicologici, inclusi, ma non solo, alti tassi di senzatetto, uso di psicofarmaci ed effetti psicologici e fisiologici dello stigma sociale sugli individui LGBTI. “Alte percentuali di depressione, ansia e pensieri suicidi mettono gli individui LGBTI in una posizione di particolare svantaggio a causa del COVID-19, poiché molti sono costretti a rinchiudersi con membri della famiglia che non approvano le loro scelte, a cui viene negato l’accesso a spazi sicuri e che possono essere esposti alla violenza domestica”, si legge nel documento.

La dichiarazione chiede inoltre parità di accesso a medicinali, vaccini e attrezzature mediche: “Restrizioni alla libera circolazione possono impedire l’accesso a cure e cure mediche. Ciò riguarda le persone che assumono farmaci cronici, così come le persone transgender e intersessuali che possono avere requisiti di salute specifici”. (@OnuItalia)

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli