8.9 C
New York
sabato, Luglio 20, 2024

Del Gaudio (DNA) a Vienna: ‘Criminalità organizzata e armi coppia indissolubile’

VIENNA, 9 OTTOBRE – ”Voglio essere estremamente chiaro: la mafia e l’uso delle armi sono una coppia inseparabile”: ha esordito così Marco del Gaudio, Sostituto procuratore della Direzione nazionale Antimafia e antiterrorismo nel suo intervento all’UNODC di Vienna in cui ha tracciato le linee guida del contrasto alla criminalità organizzata. ”Tali azioni – ha spiegato – devono basarsi su due principali azioni strategiche: la prima è l’acquisizione di quante più informazioni possibili sul possesso di armi, informazioni ottenute dalle autorità giudiziarie e di polizia, che si trovano ad affrontare la criminalità organizzata e il settore della lotta contro il traffico di armi. La seconda è la logica conseguenza della prima, ovvero lo scambio di tali informazioni tra i protagonisti della lotta al crimine”.

L’intervento di del Gaudio all’Onu a Vienna

“Naturalmente, queste due funzioni non sono sempre distinte e spesso si sovrappongono. In entrambi i casi – ha aggiunto de Marco –  la violenza può essere condotta all’interno dell’organizzazione criminale – come nel caso di conflitti tra mafia o di azioni disciplinari contro i membri del gruppo – come oltre che all’esterno, come nella cosiddetta “strategia del terrore”.
Rilevando che le mafie si dedicano malvolentieri al commercio delle armi perchè è meno redditizio rispetto agli altri affari illeciti e, almeno secondo la legge italiana, è altamente rischioso dal punto di vista della sanzione penale, del Gaudio ha rimandato ad uno studio molto approfondito dell’UNODC nel 2010.
Questo comportamento delle organizzazioni criminali, per la procura antimafia ha tuttavia un’influenza negativa sulla famiglia criminale organizzata di solito si basa sul proprio arsenale di armi da fuoco, che rappresenta la proprietà collettiva del gruppo. ”I risultati di diverse indagini – ha aggiunto Del Gaudio – mostrano che ogni gruppo criminale ha membri che, a causa della loro esperienza e dei loro contatti, sono incaricati di procurarsi armi da fuoco, che sono immagazzinate e distribuite ad altri membri in base alle circostanze o alle richieste specifiche”.

In Italia gli sforzi principali sono necessariamente indirizzati ad affrontare reati di tipo mafioso, quindi gli investigatori, anche quando sequestrano veri e propri arsenali di armi a disposizione dei criminali, in genere non avviano indagini per stabilire la loro origine e riconoscere il traffico che sta alla base della disponibilità di armi. Per questo motivo, è difficile trovare indagini specificamente dedicate al traffico di armi nelle nostre procedure relative al reato di criminalità organizzata: le indagini sono sempre condotte, ma sono sempre, per così dire, “laterali” rispetto alle indagini che vengono svolte sulla coerenza dell’organizzazione criminale.
La maggior parte degli arsenali si trova in zone rurali, vicino a vecchie case, all’interno di bancarelle di fattoria, dietro doppie mura, in bunker o in cache sotterranee o scatole di legno. ”Un’altra forma creativa di deposito di armi da fuoco – ha raccontato il sostituto procuratore – è stata recentemente scoperta a Napoli, dove sette pistole e munizioni erano state nascoste dietro l’altare in una chiesa il cui ingresso era monitorato da un sistema di videosorveglianza. I risultati di diverse indagini mostrano che questi custodi occasionalmente scavano, controllano e puliscono le armi. Abbiamo verificato che molto spesso le armi utilizzate dal crimine organizzato italiano provengono dai Paesi dei Balcani, e pertanto abbiamo ritenuto necessario chiedere un aiuto ai Paesi che ricadono in quella zona geografica, utilizzando strumenti di cooperazione bilaterale stipulati tra il DNA e alcuni uffici giudiziari dei Paesi dei Balcani”.

Marco del Gaudio

Tra questi, del Gaudio ha citato la recente “Dichiarazione di intenti”, firmata e attuata dal nostro ufficio con la maggior parte degli Uffici del Pubblico Ministero che si occupano di criminalità e terrorismo dei Paesi dei Balcani, nonché di Romania e Ungheria .
Riteniamo che un ulteriore e importante contributo possa essere fornito anche dall’Agenzia delle dogane, attraverso l’analisi del rischio del flusso di merci che l’Agenzia effettua in tutto il mondo attraverso il sistema AIDA.
IL CASO DI NAPOLI
Del Gaudio ha infine citato un caso avvenuto a Napoli negli ultimi anni. Le attività investigative della direzione distrettuale antimafia di Napoli sono state avviate nel febbraio 2016, a seguito dell’arresto di due persone che detenevano un kalashnikov e un fucile a canne: le attività hanno immediatamente permesso di capire che le armi erano conservate per conto del capo di un clan criminale, che opera vicino a Napoli.

L’inchiesta ha confermato che la Camorra di solito nomina persone che non hanno legami con il gruppo criminale come detentori di armi da fuoco. Il gruppo tende a selezionare individui senza precedenti penali o reati noti, in modo che non attirino l’attenzione. In cambio, i tutori ricevono un pagamento mensile.

Le indagini ci hanno permesso di identificare una vera associazione armata dedicata, per almeno dieci anni, a un vasto traffico internazionale di armi, comprese le armi da guerra (come kalashnikov e mitragliatrici Skorpion), guidate da un soggetto napoletano già indicato nel 2011 da un collaboratore di giustizia come fornitore di armi ai gruppi camorra della provincia di Napoli. A partire da giugno 2018, le attività investigative sono state sviluppate in collaborazione con l’Autorità giudiziaria e le forze di polizia austriache, a seguito di una trasmissione spontanea di informazioni da parte della Procura della Repubblica di Napoli.

”Voglio sottolineare – ha detto il sostituto procuratore – che questo tipo di iniziativa rappresenta esattamente il modello di cooperazione che si intende promuovere: quando emergono indicazioni che coinvolgono un altro paese, devono essere immediatamente comunicate, al fine di consentire l’apertura di una “procedura penale parallela” nel paese destinatario. In questo caso, le autorità austriache hanno immediatamente accettato l’invito e, aprendo la propria procedura, in cui i documenti prodotti dal D.D.A. di Napoli sono stati acquisiti, hanno avviato indagini che hanno permesso di identificare completamente i fornitori stranieri.

Come accennato in precedenza, erano due operatori di un negozio di caccia e pesca a Völkermarkt che, di volta in volta, concordavano con l’organizzazione italiana il tipo e la quantità di armi e munizioni da procurarsi e le consegnavano per il successivo trasporto in Italia per i “corrieri” inviati in Austria dal capo dell’organizzazione napoletana. Durante l’inchiesta, sono stati effettuati numerosi sequestri di armi e munizioni e, a seguito dell’arresto di una delle persone coinvolte, sono stati sequestrati vari fogli scritti a mano, contenenti nomi, date, sigle relativi a armi, munizioni e i prezzi di acquisto e vendita addebitati. Un totale di 16 diversi acquirenti di armi sono stati identificati, tra cui rappresentanti di vari gruppi della camorra napoletana e della ndrangheta calabrese.

Nel proseguimento delle attività investigative comuni, la polizia austriaca, su ordine specifico della Procura di Klagenfurt, ha effettuato sette perquisizioni nei comuni di Völkermarkt e St. Veit / Glan contro cittadini austriaci, trovando, in un negozio vuoto, 88 pistole con numero di serie abraso e complete di munizioni, 6 Kalashnikov con munizioni, 1 mitragliatrice Skorpion con munizioni.
A seguito di questa scoperta, come menzionato sopra, i due cittadini austriaci hanno confessato la loro responsabilità nel commercio internazionale di armi e, durante l’interrogatorio, hanno inizialmente riferito di aver venduto illegalmente, dal 2016 al 2018, all’organizzazione criminale napoletana, 500 – 600 nuovi cannoni con numero di serie abraso con munizioni, circa 50 Kalashnikov con munizioni e 5 mitragliatrici Skorpion con munizioni. Uno di loro ha confessato che stava trovando 50 Kalashnikov e 5 Skorpion, ordinati dal capo dell’organizzazione.
Lo scorso febbraio 2019 la direzione distrettuale antimafia di Napoli ha arrestato 19 persone coinvolte nell’associazione armata.

L’indagine austriaca ha infine rivelato collegamenti con la Slovenia. Alcune delle armi (in particolare le armi da guerra, i Kalashnikov) che i due sospetti austriaci hanno trafficato in Italia sono state fornite da un cittadino sloveno. Alla fine, considerando entrambi i paesi, sono stati fatti in totale di 22 arresti e sequestrate 139 armi da fuoco e 1600 munizioni.
Successivamente, le autorità austriache hanno fornito informazioni più dettagliate sulle armi: un totale di 791 pistole (pistole e rivoltelle dei marchi Walther, Smith & Wesson, Heckler & Koch, Taurus, Weihrauch, Steyr, Holek) sono stati ordinati ai fini della rivendita illegale in Italia.

Maria Novella Topi
Maria Novella Topihttps://onuitalia.com
Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli