8.9 C
New York
mercoledì, Luglio 24, 2024

Giornata vittime per religione o credo, Italia preoccupata per aumento episodi di odio

ROMA, 23 AGOSTO – Per la Giornata internazionale di commemorazione per le vittime degli atti di violenza su base di religione o credo l’Italia ha riaffermato il proprio impegno a livello internazionale per la promozione della libertà di religione o credo e per la protezione degli appartenenti a minoranze religiose. E ha ribadito che la libertà religiosa è un principio fondamentale della Costituzione italiana e della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione europea.

Negli ultimi mesi, afferma una nota della Farnesina per la Giornata Internazionale, numerosi attacchi e persecuzioni sulla base dell’appartenenza religiosa o di credo sono avvenuti sia contro singoli sia contro intere comunità in varie parti del mondo, compresi  appartenenti a minoranze religiose. L’aumento delle violenze su base religiosa, nonché  dell’estremismo violento, suscitano crescente preoccupazione.

In questa giornata l’Italia ha quindi voluto ribadire il forte sostegno a tutti coloro che sono stati vittime di attacchi, persecuzioni e discorsi d’incitamento all’odio motivati dall’appartenenza religiosa o di credo impegnandosi in prima linea, in collaborazione con i partner dell’Unione europea, nella prevenzione di tali attacchi e nel perseguimento dei responsabili.

Maria Novella Topi
Maria Novella Topihttps://onuitalia.com
Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli