8.9 C
New York
lunedì, Maggio 27, 2024

#santegidiosummer: al lavoro nelle isole greche con i profughi che diventano volontari

LESBOS, 23 AGOSTO – ”Un’estate straordinaria”: i volontari di Sant’Egidio definiscono così il lavoro di #santegidiosummer svolto con i profughi nelle isole greche di Lesbos e Samos, in un racconto pieno di particolari e di passione. ”Hanno indossato anche loro le pettorine blu con la colomba e l’arcobaleno di Sant’Egidio, e si sono messi – gratuitamente – a servire gli altri: sono i profughi delle isole greche di Lesbos e Samos”, scrivono, spiegando che ”la vita vuota, angosciata di chi è fuggito dal proprio paese e attende mesi per sapere il proprio destino, riprende forza quando si possono usare le proprie energie per gli altri, a riprova che chi fugge in cerca di futuro non vuole essere un peso, ma è una risorsa”.

Il lavoro a Samos

”Il contagio della solidarietà si va allargando a turisti e cittadini greci, che si affacciano ad offrire aiuto, vincendo la paura e scoprendo la bellezza dell’integrazione. 
In queste settimane – affermano – la Comunità ha incontrato e aiutato quasi 5.000 profughi (3.500 a Lesbos sui circa 10.0000 presenti sull’isola, e 1.200 a Samos, dove in totale se ne contano circa 6.000)”.
Per i profughi la prima emergenza è il cibo: la maggior parte di loro riesce a malapena a mangiare una volta al giorno. ”Due piadine, una razione di fagioli e un cetriolo a persona, questo è più o meno ciò che è normalmente disponibile – raccontano a Sant’Egidio – E capita che per accaparrarsi le poche risorse disponibili, si creino tensioni. Ogni sera, si preparano più di 500 pasti: la cena attorno al tavolo, per gruppi di famiglie, abbondante e servita con cortesia, sana tante ferite e restituisce dignità: ed ecco che in tanti si mettono ad aiutare, le donne cucinano, i ragazzi servono a tavola. 
Per la festa musulmana dell’Aid el Adha, un cuoco afghano ha preparato il cibo tradizionale per tutti – cristiani e musulmani. Alla distribuzione dei pasti hanno partecipato anche alcuni rifugiati africani cattolici. E qualche giorno dopo, per la festa dell’Assunzione di Maria, i cristiani hanno ricambiato, con una grande cocomerata alla fine della messa, nel cortile della piccola chiesa cattolica di Mitilene”.

A Lesbos

erribile il racconto sulle condizioni di affollamento e sui disagi: ”I rifugiati, anche quelli che stanno aiutando, vivono in situazioni precarie. Sotto tende malmesse abitano più famiglie, i servizi igienici sono assolutamente insufficienti, A tutti è praticamente negata l’assistenza sanitaria, tranne in casi di emergenza.  In entrambe le isole, con il mare calmo, continuano gli sbarchi. A Samos, non c’è più posto nemmeno nei campi informali. Tanti – singoli e famiglie – non avendo un posto dove stare, sono rimasti per giorni ai bordi della strada che porta al campo, praticamente sull’asfalto, con soltanto dei cartoni”.
Nei nuclei familiari appena arrivati gli uomini si mettono la lavoro per creare un riparo per la loro famiglia, ma per le donne sole, spesso con bambini piccoli, la situazione è ancora più grave. Per loro sono state acquistate e consegnate delle piccole tende, che permettono di dormire al riparo.
La speranza, dicono i volontari, viene dai tanti che, stupiti e attratti dall’amicizia che si è costruita in queste settimane, stanno offrendo il proprio aiuto: nei prossimi giorni, si prepara una nuova pulizia del campo insieme agli immigrati e feste con i bambini.

Maria Novella Topi
Maria Novella Topihttps://onuitalia.com
Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli