8.9 C
New York
venerdì, Maggio 24, 2024

L’Agcom lancia #StopHateSpeech: ‘Scegliamo le parole giuste’

ROMA, 14 GIUGNO – ”Ci sono tante parole, scegliamo quelle giuste”: è il claim del video della nuova campagna – #StopHateSpeech – lanciata dall’Agcom contro il linguaggio d’odio che invade sempre più i mezzi di comunicazione e i social network. Il Video è stato realizzato per accompagnare e introdurre l’approvazione, da parte del Consiglio dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni , delle nuove ‘Disposizioni in materia di rispetto della dignità umana e del principio di non discriminazione e di contrasto all’hatespeech’. L’obiettivo della campagna, rivolta a tutti i cittadini, senza distinzione alcuna, è di sensibilizzare il pubblico sul fenomeno che, spesso, finisce per alimentare generalizzazioni che conducono ad episodi di discriminazione. Il messaggio della campagna si concentra sull’inesistenza di contrapposizione tra ‘free speech’ e ‘hate speech’.

E se da un lato la campagna mira ad entrare nelle case di tutti gli italiani, il nuovo Regolamento punta a raggiungere tutti i media.
La stesura del Regolamento è stata preceduta da una consultazione pubblica alla quale hanno partecipato le associazioni di settore, rappresentanti della società civile e delle imprese. Un contributo fondamentale è derivato anche dalla stretta collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti (gli iscritti all’Ordine, di fatto, rispondono alla legge 69/1963, una normativa che va rivisitata, così come le carte deontologiche) che ha portato alla definizione di una procedura di confronto permanente sulle iniziative dell’Autorità.

L’Agcom ha voluto fornire “un quadro più definito di norme finalizzate al contrasto alle espressioni d’odio, secondo i principi delle normative italiane ed europee in materia volti a contrastare forme di discriminazione basate sulla costruzione e diffusione di stereotipi, generalizzazioni decontestualizzate di singoli episodi di cronaca che possono ledere la dignità di singole persone associate ad una categoria oggetto di discriminazione”.

Vi è, nel regolamento, un forte richiamo alla ”Costituzione della Repubblica che, all’articolo 3, fa riferimento ai principi di uguaglianza e non discriminazione, principi che spesso vengono violati con linguaggi violenti, soprattutto da quando le nuove tecnologie hanno espanso a dismisura le capacità di comunicazione”.
In presenza di violazioni sistematiche e particolarmente gravi di tali norme, l’Agcom può avviare un procedimento sanzionatorio, diffidando il fornitore di servizi a non reiterare la condotta.
Questo nuovo Regolamento si configura come un ulteriore strumento che mira a spezzare il circolo vizioso dell’odio online alimentato da stereotipi e fake news. (@OnuItalia)

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli