8.9 C
New York
mercoledì, Giugno 12, 2024

L’Italia in Prima Linea per la Moda Sostenibile: Massari al Terzo Incontro Annuale dell’UN Fashion and Lifestyle Network

NEW YORK, 3 GIUGNO – L’Italia torna a dimostrare ancora una volta il suo impegno verso la sostenibilità nel settore della moda. Intervenendo durante il terzo incontro annuale del UN Fashion and Lifestyle Network, l’Ambasciatore Maurizio Massari, Rappresentante Permanente italiano all’ONU ha messo in luce i progressi e gli sforzi del paese per ridurre l’impatto ambientale dell’industria della moda e promuovere pratiche sostenibili.

L’Italia: Simbolo di Bellezza e Artigianato

L’ambasciatore ha esordito esprimendo l’orgoglio per l’Italia, uno dei paesi più attivi nel Fashion and Lifestyle Network delle Nazioni Unitem sottolineando come il paese sia universalmente riconosciuto come archetipo di bellezza e artigianato nel mondo della moda. Si tratta di un successo che comporta anche grandi responsabilità, essendo l’Italia uno dei primi dieci esportatori tessili al mondo.

La Responsabilità Ambientale

Secondo i dati dell’UNEP, l’industria mondiale della moda è responsabile del 10% delle emissioni globali. In questo contesto, Massari ha evidenziato gli sforzi all’avanguardia dell’Italia nel ridurre le emissioni di gas serra e nell’aumentare la sostenibilità. Con il secondo posto in Europa per numero di brevetti sull’economia circolare, l’Italia ha raggiunto un impressionante 79,4% di riutilizzo dei rifiuti, un risultato più del doppio rispetto alla media europea.

Innovazione e Leadership

Massari ha lodato le aziende italiane, molte delle quali in testa al Dow Jones Sustainability Index nella categoria tessile. Queste aziende non solo guidano il settore per le loro pratiche sostenibili, ma sono anche protagoniste in altre prestigiose classifiche globali. L’impegno è stato ulteriormente esemplificato dall’iniziativa triennale in Kenya, lanciata dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo in collaborazione con l’Ethical Fashion Initiative dell’International Trade Center (ITC).

Il Ruolo del Governo e delle Imprese

L’Ambasciatore ha anche sottolineato l’impegno delle imprese e degli imprenditori italiani nell’adesione all’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

modaMassari ha invitato i governi a promuovere e sostenere “la sostenibilità è un imperativo morale e una necessità strategica”, ha commentato il rappresentante italiano concludendo il suo messaggio con un appello all’azione a tutte le aziende e le parti interessate presenti, perche’ continuino a investire in un mondo sostenibile e a sostenere l’azione delle Nazioni Unite: “Le aziende globali hanno capito che la sostenibilità non è semplicemente una parola d’ordine; è un imperativo morale e una necessità strategica. Nel mondo interconnesso di oggi, le azioni delle aziende si ripercuotono ben oltre i consigli di amministrazione e i margini di profitto. Il perseguimento di pratiche sostenibili è molto più che una questione di ottemperamento alle regole o di gestione della reputazione, e soprattutto non è antitetico alla redditività; piuttosto, favorisce il successo e la resilienza a lungo termine. (@OnuItalia)

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli