8.9 C
New York
venerdì, Maggio 24, 2024

Sierra Leone: con AICS e AISPO nasce il secondo centro trasfusionale del paese africano

MAKENI, 5 MARZO – Grazie alla collaborazione tra Cooperazione Italiana e l’Aispo, l’Associazione Italiana per la Solidarietà tra i Popoli, è stato inaugurato a Mekeni, in Sierra Leone, un secondo centro trasfusionale nell’ospedale costruito nel nord del paese  dall’associazione. .
La cerimonia di inaugurazione – secondo quanto informa il sito Oltremare –  è avvenuta alla presenza del ministro della Salute, Austin Demby, di rappresentanti delle istituzioni locali, del presidente di Aispo, Fabio Ciceri e del direttore dell’associazione, Federico Chiodi Daelli. Questo è il secondo centro trasfusionale costruito ed equipaggiato nel Paese, nell’ambito della seconda fase del progetto di ‘Supporto al Sistema trasfusionale’, sostenuto dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (Aics).
Il primo centro è stato istituito da Aispo con fondi Aics nel 2019 presso il Princess Christian Maternity Hospital (Pcmh) a Freetown, tramite un progetto dedicato. I due progetti, l’attuale in corso fino al 2025 e il primo concluso nel 2021, sostengono la produzione e la gestione del sangue, supportando l’accesso al sangue e ai suoi emoderivati (plasma, globuli rossi e piastrine) da parte dei pazienti che necessitano di trasfusioni, in particolare le donne in travaglio e in gravidanza, i neonati e i bambini con anemie gravi. I due centri trasfusionali sono stati costruiti presso due dei maggiori ospedali governativi pubblici, entrambi con un vasto bacino di utenza e un alto tasso di mortalità dovuto alla carenza e alla gestione inadeguata del sangue.
I progetti nascono nell’ottica di implementare il National Strategic Plan for Blood Safety che indica la necessità di costruire quattro centri regionali per centralizzare le procedure trasfusionali, a cui dovranno fare riferimento le altre banche del sangue del Paese. Oltre alla costruzione di due nuove strutture i progetti hanno formato tecnici di laboratorio, flebotomiste e personale clinico da esperti internazionali; erogato borse di studio a tecnici di laboratorio e personale clinico dei centri di Freetown e Makeni presso il Centro trasfusionale dell’ospedale San Raffaele di Milano; equipaggiato i centri con attrezzature di laboratorio in linea con gli standard internazionali e fornito consumabili e reagenti; svolto campagne di comunicazione e sensibilizzazione sul sangue; supervisionato le banche del sangue periferiche nel Paese e sostegno alla Governance del sistema a livello centrale; scritto procedure e protocolli a supporto del ministero della Salute (Mohs), partner di entrambe le fasi.
Il progetto in corso prevede anche la riabilitazione della banca del sangue del Connaught Hospital di Freetown. La sfida più importante con cui Aispo si sta interfacciando, e su cui lavorerà fino al termine del progetto, è aumentare il numero delle donazioni volontarie del sangue, senza le quali i Centri trasfusionali farebbero fatica a funzionare. Pertanto saranno promosse campagne di comunicazione e sensibilizzazione rivolte alla popolazione per far comprendere l’importanza della donazione in sicurezza del sangue, nonché campagne di donazione tramite unità mobili, che si accompagneranno alle analisi e ai controlli necessari sul sangue dei donatori.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli