8.9 C
New York
venerdì, Maggio 24, 2024

L’Italia con il Women’s Peace Humanitarian Fund da’ voce alle donne afghane

ROMA, 19 DICEMBRE – Affiancando l’opera del Women’s Peace Humanitarian Fund (WPHF), l’Italia da voce alle donne afghane. “Che bambine di nove anni vengano vendute – non solo a causa di pressioni economiche, ma anche perché non c’è speranza per loro e per la loro famiglia – non è normale”. Questa la denuncia di Fawzia Koofi, la prima vicepresidentessa del Parlamento afghano, nonché ex-Presidentessa della Commissione per le questioni femminili e i diritti umani, che dopo la caduta di Kabul nelle mani dei Talebani, ha continuato a lottare per promuovere i diritti delle donne, ragazze e bambine del suo paese.

Nel giugno del 2022, grazie al supporto del Women’s Peace and Humanitarian Fund (WPHF), Fawzia Koofi si è recata a Ginevra per chiedere al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite di tenere un dibattito sulla crisi dei diritti delle donne e delle ragazze in Afghanistan. Insieme ad altre leader donne afghane, ha stimolato il dibattito, ricordando la situazione critica che le donne afghane affrontano sotto il regime dei Talebani. La sua determinazione nel promuovere i diritti delle donne, ragazze e bambine afghane l’ha portata a svolgere un ruolo fondamentale nei negoziati di pace e a denunciare le violazioni dei diritti umani nel suo paese.

L’attività di denuncia di Fawzia Koofi non sarebbe probabilmente stata possibile senza il contributo del Women’s Peace and Humanitarian Fund (WPHF) delle Nazioni Unite, finanziato dall’Italia nel 2022 con 4,5 milioni di euro specificamente miranti a sostenere le donne afghane. La convinzione sull’importanza di contrastare la violenza di genere, sostenendo direttamente la capacità delle donne locali, al fine di liberarle dalla violenza e contribuire ai processi di pace, ha portato l’Italia a sostenere anche l’azione globale del Women Peace Humanitarian Fund, con un contributo ulteriore di 2 milioni di euro nel 2022 e di 3 milioni di euro nel 2023 – per sostenere la voce delle donne laddove è più necessario e contribuire insieme al contrasto della violenza. (@OnuItalia)

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli