8.9 C
New York
venerdì, Maggio 24, 2024

Rifugiati: firmato accordo tra UNHCR e Notariato italiano per l’inclusione sociale ed economica

ROMA, 1 DICEMBRE – È stato firmato a Roma dal Presidente del Consiglio Nazionale del Notariato, Giulio Biino, e dalla Rappresentante per l’Italia, la Santa Sede e San Marino dell‘UNHCR, Agenzia Onu per i Rifugiati, Chiara Cardoletti, il memorandum per l’inclusione sociale ed economica dei rifugiati in Italia e per la tutela dei loro diritti fondamentali, in accordo con gli obiettivi di sviluppo sostenibile 2030 riconosciuti dalle Nazioni Unite.
Il protocollo individua azioni mirate a raggiungere i seguenti obiettivi:
1. realizzare attività di consulenza in particolare nelle seguenti aree: autentica di fotografia, di documento o della traduzione dello stesso; iscrizione anagrafica; documentazione necessaria per contrarre matrimonio; ricongiungimento familiare; cittadinanza; riconoscimento titoli di studio; conferimento di procura; primo orientamento in ambito societario (aprire o aderire ad un’impresa/società).
2. diffondere materiale informativo multilingue sulle principali aree in cui i notai italiani possono assistere i rifugiati nel loro percorso di integrazione sociale ed economica;
3. realizzare iniziative di comunicazione congiunte.
L’accordo rappresenta il contributo che il Consiglio Nazionale del Notariato ha offerto per il raggiungimento in Italia degli obiettivi Global Compact sui rifugiati, progetto dell’UNHCR che rappresenta la volontà politica e l’ambizione della comunità internazionale di rafforzare la cooperazione e la solidarietà con le persone rifugiate e con i Paesi ospitanti in tutto il mondo. Gli impegni del Notariato saranno presentati dalla delegazione italiana nel corso del Global Refugee Forum (Ginevra 13 – 15 dicembre), assemblea che riunisce ogni quattro anni gli Stati membri delle Nazioni Unite a livello ministeriale, insieme agli altri soggetti interessati, per annunciare impegni concreti e per considerare opportunità, sfide e modalità per promuovere la condivisione delle responsabilità.

Nel mondo sono oltre 114 milioni le persone costretta alla fuga da guerre, persecuzioni, violenze e violazioni di diritti umani, di cui il 75 per cento accolto da paesi a basso o medio reddito. ”Le persone in fuga da conflitti o violenze costituiscono un fenomeno globale che ha un impatto significativo sulla vita di molti – ha dichiarato il Presidente Giulio Biino. Nelle società inclusive, in cui ogni individuo – ciascuno con diritti e responsabilità – ha un ruolo attivo da svolgere, l’integrazione dei rifugiati può contribuire a migliorare le condizioni economiche e sociali delle comunità locali sia dei Paesi di origine che di destinazione, ed è proprio con questo scopo che il Notariato e UNHCR si sono impegnati a collaborare”.
”L’Italia deve affrontare una sfida molto complessa nell’assicurare che le persone in fuga abbiano la possibilità di ricostruire la propria vita e contribuire alle comunità che le accolgono. Per questo motivo e’ molto importante l’impegno di tutte le componenti della società per favorire un’accoglienza e integrazione efficace e umana – gli ha fatto eco Chiara Cardoletti.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli