8.9 C
New York
sabato, Luglio 20, 2024

Istruzione: UNESCO chiede bando degli smartphone in classe, uso eccessivo penalizza apprendimento

ROMA, 27 LUGLIO – L’Onu ha chiesto un bando globale degli smartphone in classe, per migliorare l’apprendimento e proteggere i bambini dal cyberbullismo. L’Unesco, l’agenzia delle Nazioni Unite per l’istruzione, la scienza e la cultura, ha dichiarato che è dimostrato che l’uso eccessivo del telefono cellulare è legato a una riduzione del rendimento scolastico e che alti livelli di tempo trascorso sullo schermo hanno un effetto negativo sulla stabilità emotiva dei bambini.

In un nuovo rapporto l’Uneco sostiene che l’uso eccessivo o inappropriato della tecnologia da parte degli studenti in classe e a casa, che si tratti di smartphone, tablet o computer portatili, potrebbe distrarre, disturbare e avere un impatto negativo sull’apprendimento. Il documento cita dati di valutazione internazionali su larga scala che indicano un “legame negativo” tra l’uso eccessivo della tecnologia digitale e il rendimento degli studenti.
Secondo l’Unesco la tecnologia digitale nel suo complesso, compresa l’intelligenza artificiale, dovrebbe essere sempre subordinata a una “visione dell’istruzione incentrata sull’uomo” e non dovrebbe mai sostituire l’interazione faccia a faccia con gli insegnanti. L’Unesco ha messo in guardia i responsabili politici da un ”abbraccio sconsiderato della tecnologia digitale”, sostenendo che il suo impatto positivo sui risultati dell’apprendimento e sull’efficienza economica potrebbe essere sopravvalutato e che il nuovo non è sempre meglio. “Non tutti i cambiamenti costituiscono un progresso. Solo perché una cosa può essere fatta non significa che debba essere fatta”, afferma il rapporto.
“La rivoluzione digitale ha un potenziale incommensurabile ma, così come sono stati lanciati degli avvertimenti su come dovrebbe essere regolata nella società, è necessario prestare la stessa attenzione al modo in cui viene utilizzata nell’istruzione”, ha dichiarato la direttrice generale dell’Unesco, Audrey Azoulay. “Il suo utilizzo deve essere finalizzato a migliorare le esperienze di apprendimento e a favorire il benessere di studenti e insegnanti, non a loro discapito. Tenete al primo posto le esigenze degli studenti e sostenete gli insegnanti. Le connessioni online non possono sostituire l’interazione umana”, ha aggiunto.

Unesco ha citato l’esempio della Cina, che ha stabilito dei limiti per l’uso dei dispositivi digitali come strumenti didattici, limitandoli al 30% di tutto il tempo di insegnamento e prevedendo che gli studenti facciano pause regolari davanti allo schermo.
Sulla base dell’analisi di 200 sistemi educativi in tutto il mondo, l’Unesco ha stimato che un Paese su sei ha vietato l’uso degli smartphone a scuola, per legge o per orientamento. Tra questi la Francia, che ha introdotto la sua politica nel 2018, e i Paesi Bassi, che introdurranno le restrizioni a partire dal 2024.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli