8.9 C
New York
venerdì, Luglio 19, 2024

OMS: dati migliorano ma minacce aumentano. Pronta nuova rete di protezione dalle malattie

GINEVRA, 22 MAGGIO – L‘aspettativa di vita globale è cresciuta del 50% dalla nascita dell’Organizzazione Mondiale della Sanità delle Nazioni Unite (OMS) 75 anni fa: lo ha ricordato il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres all’apertura annuale dell’Assemblea Mondiale della Sanità, l’organo decisionale dell’OMS, affermando che l’agenzia è nata da uno spirito di cooperazione, che ha portato a notevoli miglioramenti nella salute umana.
“L’aspettativa di vita globale è aumentata di oltre il 50%, la mortalità infantile è calata del sessanta per cento in 30 anni; il vaiolo è stato sradicato, e la poliomielite quasi debellata…Ma il progresso è in pericolo. La guerra e il conflitto minacciano milioni di persone. La salute di miliardi di persone è messa in pericolo dalla crisi climatica“.
Secondo Guterres  “questo non è inevitabile…. Possiamo tornare sulla via del progresso. Possiamo realizzare le nostre ambizioni per la salute e il benessere per tutti. Ma solo se il mondo lavora insieme. Se cooperiamo, nonostante le tensioni che mettono a dura prova le relazioni tra le nazioni”.
Il capo dell’Onu detto che promuovere la salute pubblica a lungo termine, significa rafforzare l’indipendenza, l’autorità e il finanziamento del CHISi apre in una nuova finestra, “che è al centro del nostro sforzo internazionale” e deve avere un ruolo chiave di coordinamento nella lotta alla prossima pandemia.
Rafforzando questo messaggio nel suo discorso introduttivo all’Assemblea, il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha affermato che l’emergere del mondo dal tunnel oscuro di COVID-19 non è stato “solo la fine di un brutto sogno da cui ci siamo svegliati. Non possiamo semplicemente continuare come facevamo prima”.
Le dolorose lezioni della pandemia devono essere comprese, ha detto. “La principale tra queste lezioni è che possiamo affrontare le minacce condivise solo con una risposta condivisa“. Si apre in una nuova finestra, l’accordo sulla pandemia in fase di negoziazione: “deve essere un accordo storico per fare un cambio di paradigma nella sicurezza sanitaria globale, riconoscendo che i nostri destini sono intrecciati”, ha aggiunto. “Questo è il momento per noi di scrivere un nuovo capitolo nella storia della salute globale, insieme; tracciare insieme un nuovo percorso da seguire”.
Lancio di una nuova rete di protezione dalle malattie
L’OMS e i suoi partner hanno lanciato una nuova rete globale per aiutare a proteggere le persone ovunque dalle minacce delle malattie infettive, attraverso il potere della genomica dei patogeni. La rete internazionale di sorveglianza degli agenti patogeni (IPSN) fornirà una piattaforma per collegare paesi e regioni, migliorando i sistemi per la raccolta e l’analisi dei campioni, utilizzando i dati per guidare il processo decisionale sulla salute pubblica e condividendo tali informazioni in modo più ampio.oms
La genomica patogena analizza il codice genetico di virus, batteri e altri organismi che causano malattie per capire quanto sono infettivi, quanto sono mortali e come si diffondono.
L’IPSN avrà un segretariato ospitato dall’Hub dell’OMS per l’intelligence pandemica ed epidemica, con un obiettivo ambizioso, “che può anche svolgere un ruolo vitale nella sicurezza sanitaria: dare a ogni paese l’accesso al sequenziamento e all’analisi genomica dei patogeni come parte del suo sistema sanitario pubblico”, ha affermato Tedros.
“Come ci è stato chiaramente dimostrato durante la pandemia di COVID-19, il mondo è più forte quando si unisce per combattere le minacce sanitarie condivise”, ha affermato.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli