8.9 C
New York
venerdì, Luglio 12, 2024

Giornata AIDS: allarme Onu, le disuguaglianze stanno bloccando la fine della pandemia

GINEVRA, 30 NOVEMBRE – L’analisi dell’Onu in occasione della Giornata mondiale contro l’AIDS, che si celebra domani, rivela che le disuguaglianze stanno ostacolando la fine della malattia. In base alle tendenze attuali, affermano le Nazioni Unite, il mondo non raggiungerà gli obiettivi globali concordati sull’AIDS; ma il nuovo rapporto UNAIDS, Dangerous Ineequality, mostra che un’azione urgente per affrontare le disuguaglianze può portare la risposta all’AIDS sulla buona strada.
UNAIDS ha stabilito all’inizio di quest’anno che la risposta all’AIDS è in pericolo, con l’aumento di nuove infezioni e morti in molte parti del mondo. Ora, un nuovo rapporto  mostra che le disuguaglianze ne sono la ragione originaria, come i leader mondiali possono affrontare queste disuguaglianze e li invita ad essere coraggiosi nell’agire.
Il rapporto mostra come le disuguaglianze di genere e le norme di genere dannose stiano frenando la fine della pandemia di AIDS.“Il mondo non sarà in grado di sconfiggere l’AIDS rafforzando il patriarcato“, ha dichiarato Winnie Byanyima, direttore esecutivo di UNAIDS. “Nelle aree ad alto indice di HIV, le donne sottoposte a violenza da parte del partner hanno una probabilità fino al 50% maggiore di contrarre l’HIV. In 33 paesi dal 2015 al 2021 solo il 41% delle donne sposate di età compresa tra 15 e 24 anni è stato in grado di prendere decisioni sulla propria salute sessuale. L’unica mappa efficace per porre fine all’AIDS, raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile e garantire salute, diritti e prosperità condivisa, è una mappa di percorso femminista. Le organizzazioni e i movimenti per i diritti delle donne sono già in prima linea in questo lavoro audace. I leader devono sostenerli e imparare da loro”.
Gli effetti delle disuguaglianze di genere sui rischi di HIV delle donne sono particolarmente pronunciati nell’Africa sub-sahariana, dove le donne nel 2021 hanno raggiunto il 63% delle nuove infezioni da HIV.

Winnie Byanyima

Le ragazze adolescenti e le giovani donne (di età compresa tra 15 e 24 anni) hanno tre volte più probabilità di contrarre l’HIV rispetto ai ragazzi adolescenti e ai giovani uomini della stessa fascia di età nell’Africa sub-sahariana. Uno studio ha dimostrato che consentire alle ragazze di rimanere a scuola fino al completamento dell‘istruzione secondaria riduce la loro vulnerabilità all’infezione da HIV fino al 50%. Quando questo è rafforzato con un pacchetto di sostegno all’empowerment, i rischi delle ragazze sono ulteriormente ridotti. I leader devono garantire che tutte le ragazze vadano a scuola, siano protette dalla violenza che è spesso normalizzata anche attraverso matrimoni precoci e abbiano percorsi economici che garantiscano loro un futuro di speranza.
Interrompendo le dinamiche di potere, le politiche possono ridurre la vulnerabilità delle ragazze all’HIV.
Il rapporto mostra che la risposta all’AIDS è frenata anche dalle disuguaglianze nell’accesso alle cure tra adulti e bambini. Mentre oltre tre quarti degli adulti che vivono con l’HIV sono in terapia antiretrovirale, poco più della metà dei bambini che vivono con l’HIV prendono un farmaco salvavita. Questo ha avuto conseguenze mortali. Nel 2021, i bambini rappresentavano solo il 4% di tutte le persone che vivevano con l’HIV, ma il 15% di tutti i decessi correlati all’AIDS. Colmare il divario di trattamento per i bambini salverà vite umane.
Una nuova analisi non mostra alcun calo significativo delle nuove infezioni tra gli uomini gay e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini sia nell’Africa occidentale che centrale e nelle regioni dell’Africa orientale e meridionale. Di fronte a un virus infettivo, l’incapacità di fare progressi su tali popolazioni mina l’intera risposta all’AIDS.
In tutto il mondo, oltre 68 paesi criminalizzano ancora le relazioni sessuali tra persone dello stesso sesso. Un’altra analisi evidenziata nel rapporto ha rilevato che gli uomini gay e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini che vivono in paesi africani con le leggi più repressive hanno più di tre volte meno probabilità di conoscere il loro stato di HIV rispetto alle loro controparti che vivono in paesi con le leggi meno repressive, dove i progressi sono molto più rapidi. La relazione mostra infine che i progressi contro le disuguaglianze sono possibili ed evidenzia le aree in cui la risposta all’AIDS ha compiuto notevoli passi avanti.
“Sappiamo cosa fare per porre fine alle disuguaglianze”, ha detto Byanyima. “Assicurarsi che tutte le nostre ragazze siano a scuola, sicure e forti. Affrontare la violenza di genere. Sostenere le organizzazioni femminili. Promuovere mascolinità sane, per prendere il posto dei comportamenti dannosi che aggravano i rischi per tutti. Garantire che i servizi per i bambini che vivono con l’HIV li raggiungano e soddisfino le loro esigenze, colmando il divario di trattamento in modo da porre fine all’AIDS nei bambini per sempre. Depenalizzare le persone in relazioni omosessuali, i lavoratori del sesso e le persone che usano droghe e investire in servizi guidati dalla comunità che consentano la loro inclusione – questo aiuterà ad abbattere le barriere ai servizi e alla cura per milioni di persone “.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli