8.9 C
New York
venerdì, Maggio 24, 2024

Giulia Tariello, Youth Delegate per l’Italia, interviene in Terza Commissione

NEW YORK, 29 SETTEMBRE – “Consentire ai giovani di partecipare attivamente alla formazione del futuro va a vantaggio della società nel suo complesso”, ha detto Giulia Tariello oggi a New York durante una riunione della Terza Commissione dell’Assemblea Generale dedicata allo sviluppo sociale. Giulia è una di due delegati italiani per i giovani che porteranno in Assemblea Generale la voce dei loro coetanei nel periodo 2022-2023 grazie a un programma coordinato dalla SIOI.

L’Italia sostiene il dialogo tra più parti interessate e promuove il ruolo di guida dei giovani come motore del cambiamento. Giulia Tariello e il collega Gabriele Colella sono stati scelti nell’ambito del ‘Youth Delegates’ delle Nazioni Unite, il principale strumento attraverso il quale gli Stati membri hanno l’opportunità di inserire studenti universitari all’interno delle loro missioni diplomatiche, consentendo loro di rappresentare gli interessi dei giovani nelle principali Conferenze delle Nazioni Unite e, in particolare, durante l’Assemblea Generale. La SIOI, in qualità di Associazione italiana per l’ONU, dà attuazione al programma in Italia e, in collaborazione con il Ministero degli Esteri, ha lanciato la prima edizione nel 2017. Per la prima volta quest’anno sono stati selezionati anche due delegate europee, Lucija Karnelutti e Nadia Gullestrup Christensen. Il loro messaggio: investire in istruzione gratuita e di qualita’ per tutti, comprse le giovani donne e le bambine.

Giulia ha parlato durante un incontro sull’impegno dei giovani. “Crediamo che permettere ai giovani di partecipare attivamente alla formazione del futuro porti benefici alla società in due modi: i giovani possono acquisire maggiori conoscenze ed esperienze e gli adulti possono interpretare il mondo da una nuova prospettiva che potrebbero aver dimenticato”, ha detto Tariello: “Troppo spesso i giovani sentono una distanza sempre maggiore tra loro e gli organi centrali in cui si svolge il processo decisionale. Questa crescente sfiducia allontana ancora di più i giovani dalla partecipazione alla vita pubblica”.

Giulia ha ricordato ai suoi coetanei che l’Italia si è fatta avanti con l’evento collaterale della COP26 Youth4Climate “Driving Ambition” del 2021, che ha ospitato 400 giovani da tutto il mondo, per mettere insieme le idee e offrire una piattaforma per condividere le loro proposte per affrontare la crisi climatica. “Abbiamo fatto progressi significativi, ma abbiamo ancora bisogno di un maggiore impegno per colmare il divario e invertire la tendenza. Per migliorare il coinvolgimento, gli studenti più giovani dovrebbero avere accesso a maggiori informazioni sull’Agenda 2030 e sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile, a partire dalle scuole elementari, dove possono imparare a rispettare gli altri”.

La Terza Commissione, che si occupa principalmente di diritti umani, si è riunita oggi per la prima volta durante la 77a Assemblea Generale. Tra i temi che verranno discussi nelle prossime settimane, la risoluzione sulla pena di morte, che chiederà una moratoria delle esecuzioni in vista della loro totale abolizione, è di particolare rilevanza per l’Italia che dal 2007 se ne fa promotrice. (@OnuItalia)

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli