8.9 C
New York
venerdì, Maggio 17, 2024

Ucraina: in Italia 5% cereali dopo lo sblocco dell’export

ISTANBUL, 20 AGOSTO – L’Italia è la destinazione del 5% dei cereali e di altri prodotti alimentari caricati su navi in partenza dai porti ucraini dopo che sono state sbloccate le esportazioni da quando è iniziato il conflitto con la Russia. Lo ha reso noto la delegazione dell’Onu presso il centro istituito a Istanbul per la coordinazione dei corridoi sicuri nel Mar Nero che permettono le esportazioni.

In seguito a un accordo tra Turchia, Russia, Ucraina e Nazioni Unite, il primo agosto è partita da Odessa la prima nave carica di cereali da quando è iniziato il conflitto con Mosca il 24 febbraio. Da allora, sono stati autorizzati i movimenti per 27 navi in uscita dai porti di Odessa, Chornomorsk e Yuzhny cariche di prodotti alimentari e per altre 26 dirette verso l’Ucraina per caricare cereali destinati all’esportazione. In tutto sono state trasportate 656,349 tonnellate di prodotti alimentari.

Ad oggi, la principale destinazione delle imbarcazioni è stata la Turchia dove è arrivato il 26% dei prodotti esportati. Gli altri Paesi dove sono dirette le navi sono Corea, Egitto,
Iran, Cina, Irlanda, Italia, Gibuti e Romania. (@OnuItalia)

Alessandra Baldini
Alessandra Baldinihttps://onuitalia.com
Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli