8.9 C
New York
giovedì, Luglio 25, 2024

Pace e sicurezza in Africa: Italia rinnova sforzi sia a livello bilaterale che multilaterale

NEW YORK, 9 AGOSTO – Nel corso di un dibattito sulla pace e la sicurezza in Africa organizzato dalla presidenza di turno cinese del Consiglio di Sicurezza, l’Italia ha ribadito il suo impegno, sia a livello bilaterale che multilaterale, su fronti inestricabilmente legati al tema in oggetto, come il cambiamento climatico e il terrorismo.

Durante la Presidenza italiana del G20, l’Italia ha posto la lotta al cambiamento climatico al centro della sua agenda internazionale, costruendo sugli sforzi per aumentare i finanziamenti per il clima da parte dei Paesi sviluppati e la riduzione del debito per i Paesi africani. L’Italia è anche particolarmente attiva nella Coalizione globale contro il Sahel.

“Non esiste un’unica soluzione per sostenere la pace e la sicurezza in Africa, ma collettivamente siamo chiamati a fare ogni sforzo in questa direzione, consapevoli che il multilateralismo rimane fondamentale”, ha detto un delegato italiano spiegando i tre capisaldi del sostegno italiano alla pace e alla sicurezza in Africa, il primo dei quali è rappresentato da ulteriori investimenti in un dialogo strategico tra il Consiglio di Sicurezza e le organizzazioni regionali e sub-regionali africane.

Come membro della Commissione per il Peacebuilding nel 2023-24, l’Italia lavorerà inoltre sulla prevenzione dei conflitti. Terzo punto: farà leva sul multilateralismo per promuovere i diritti umani e lo Stato di diritto.

La pandemia di Covid-19 e la guerra in Ucraina hanno colpito la pace e la sicurezza internazionale, esacerbando drammaticamente le cause di conflitto nel continente africano, ha dichiarato il delegato italiano: “Dobbiamo concentraci sulle priorità che l’Unione Africana ha riassunto nell’Agenda 2063 e sostenere partenariati efficaci per rendere il finanziamento dello sviluppo una priorità fondamentale”.

L’Italia continuerà quindi a sostenere l’architettura africana di pace e sicurezza con assistenza finanziaria, programmi di formazione e di capacity building ed è favorevole all’utilizzo di contributi valutati dalle Nazioni Unite per le operazioni di pace a guida africana, a condizione che siano rispettati standard adeguati. A tal fine, l’Italia sostiene il lavoro dell’Arma dei Carabinieri, incaricata dal Ministero degli Esteri italiano, con il mandato di cooperare con i partner dell’UA per lo sviluppo delle capacità delle forze di polizia e di sicurezza. (@OnuItalia)

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli