8.9 C
New York
sabato, Maggio 25, 2024

Corno d’Africa: per la FAO la fame in Somalia verso peggioramento

ROMA, 13 APRILE – La FAO ha avvertito oggi che nuovi terribili dati sulla fame in Somalia fanno ulteriore luce sugli effetti paralizzanti della prolungata siccità nella regione del Corno d’Africa e sottolineano la necessità di aiuti su larga scala per mantenere le famiglie rurali autosufficienti, libere dalla fame e nelle loro zone di origine.siccità

Gli ultimi dati mostrano che il numero di persone che sperimentano livelli di crisi, emergenza o catastrofe della fame è destinato a superare i 6 milioni di persone da qui a giugno – rappresentando addirittura il 38% della popolazione del paese. ”Queste cifre allarmanti sono l’indicatore più forte fino ad oggi di una situazione in peggioramento. In tutto il Corno, milioni di persone rischiano livelli sempre più gravi di fame a causa degli effetti a cascata che la siccità sta avendo sui mezzi di sussistenza, sui beni produttivi delle famiglie e sulla produzione alimentare locale”, ha spiegato Rein Paulsen, Direttore delle Emergenze della FAO. Questa è una quarta stagione di siccità senza precedenti che colpisce queste comunità, insieme ad altri impatti come il conflitto, il COVID-19, le sfide macroeconomiche e il recente ritorno delle locuste nel deserto, ha fatto notare Paulsen. Come risultato, i mezzi della gente per produrre cibo e guadagnare reddito sono tesi al punto di rottura.

Prima della pubblicazione dei nuovi dati sulla Somalia, si stimava che tra 13,1 e 14,1 milioni di persone nella regione dovessero affrontare livelli di crisi o peggiori (secondo il sistema di classificazione IPC) di insicurezza acuta fino a maggio 2022 solo a causa della siccità. Questo includeva 5,5-6,5 milioni di persone nell’Etiopia meridionale, 4,1 milioni di persone in Somalia e 3,5 milioni di persone in Kenya. Se si tenesse conto dei nuovi numeri questa stima regionale salirebbe a 15 – 16 milioni di persone. Dato il pessimo inizio delle piogge e le fosche previsioni per il resto della stagione , non sembra probabile che le piogge primaverili in corso possano dare molto sollievo.

Il 17 gennaio 2022 la FAO ha lanciato un appello urgente per ottenere 138 milioni di dollari di fondi umanitari per fornire una serie di aiuti alle famiglie di pastori e contadini i cui mezzi di sussistenza sono stati distrutti dalla siccità. L’elemento chiave del piano di risposta della FAO comprende una serie di misure di sostegno: il mantenimento in vita e produttivo degli animali dei pastori fornendo mangime, acqua e cure veterinarie; la distribuzione di varietà di sorgo, mais, cowpea e altri fagioli e ortaggi tolleranti alla siccità alle famiglie che praticano la coltivazione, e l’attuazione di trasferimenti di denaro e di programmi ”cash-for-work” per garantire ai più vulnerabili l’accesso al cibo. Finora, tuttavia, l’Organizzazione ha assicurato solo 50 milioni di dollari di contributi.

Una locusta del deserto

L’esperienza della FAO nella regione, durante la risposta alla recrudescenza delle locuste del deserto scoppiata nel 2020, ha dimostrato che agendo su larga scala per rafforzare le comunità rurali, che sopportano il peso maggiore quando si verificano gravi shock, è possibile evitare le crisi alimentari, secondo Paulsen. ”A differenza di allora, quando orde di cavallette si abbatterono da un giorno all’altro su pascoli e campi, oggi siamo testimoni di un disastro a insorgenza lenta che purtroppo non sembra attirare la stessa attenzione”, ha detto. E ha concluso: ”Ma non fate errori: la portata della devastazione in termini di fame e di perdita di mezzi di sussistenza, se non si fa di più per sostenere le comunità rurali ora, sarà spaventosa”, ha aggiunto Paulsen.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli