8.9 C
New York
domenica, Luglio 21, 2024

Lavoro: Ilo rivede al ribasso stile per la ripresa post-Covid nel mondo

GINEVRA, 19 GENNAIO – L’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) ha rivisto al ribasso le sue previsioni per la ripresa del mercato del lavoro nel 2022.
Nel rapporto World Occupazione e prospettive sociali – Tendenze 2022 (Tendenze WESO) Ilo afferma che la disoccupazione globale dovrebbe rimanere al di sopra dei livelli pre-COVID almeno fino al 2023.
Il livello del 2022 è stimato in 207 milioni, rispetto ai 186 milioni del 2019. Il rapporto dell’ILO avverte inoltre che l’impatto complessivo sull’occupazione è significativamente maggiore di quello rappresentato in queste cifre perché molte persone sono uscite dal calcolo della forza lavoro. Nel 2022, il tasso di partecipazione globale alla forza lavoro dovrebbe rimanere di 1,2 punti percentuali al di sotto di quello del 2019.
Il declassamento delle previsioni per il 2022 riflette, in una certa misura, l’impatto che le recenti varianti di COVID-19, come Delta e Omicron, stanno avendo sul mondo del lavoro, oltre a una significativa incertezza riguardo al futuro andamento della pandemia.

Il rapporto WESO Trends avverte inoltre delle forti differenze nell’impatto che la crisi sta avendo tra gruppi di lavoratori e paesi. Queste differenze stanno approfondendo le disuguaglianze e indebolendo il tessuto economico, finanziario e sociale di quasi tutte le nazioni, indipendentemente dallo stato del loro sviluppo. È probabile che questo danno richieda anni per essere riparato, con potenziali conseguenze a lungo termine per la partecipazione alla forza lavoro, i redditi delle famiglie e la coesione sociale e politica.
“Non ci può essere una vera ripresa da questa pandemia senza un’ampia ripresa del mercato del lavoro. E per essere sostenibile, questa ripresa deve basarsi sui principi del lavoro dignitoso, tra cui salute e sicurezza, equità, protezione sociale e dialogo sociale”, ha spiegato Guy Ryder, Direttore Generale dell’ILO
Gli effetti si fanno sentire sui mercati del lavoro in tutte le regioni del mondo, anche se si può osservare una grande differenza nei modelli di ripresa. Le regioni europee e nordamericane mostrano i segnali di ripresa più incoraggianti, mentre il Sud-Est asiatico e l’America Latina e i Caraibi hanno le prospettive più negative. A livello nazionale, la ripresa del mercato del lavoro è più forte nei paesi ad alto reddito, mentre le economie a reddito medio-basso stanno andando peggio.

Guy Ryder

L’impatto sproporzionato della crisi sull’occupazione femminile, poi, dovrebbe durare nei prossimi anni, afferma il rapporto. Mentre la chiusura delle scuole e degli istituti di istruzione e formazione “avrà implicazioni a cascata a lungo termine” per i giovani, in particolare quelli senza accesso a Internet.
“A due anni dall’inizio di questa crisi, le prospettive rimangono fragili e il percorso verso la ripresa è lento e incerto”, ha aggiunto Ryder. “Stiamo già assistendo a danni potenzialmente duraturi ai mercati del lavoro, insieme a un aumento preoccupante della povertà e della disuguaglianza. A molti lavoratori viene richiesto di passare a nuove tipologie di lavoro, ad esempio in risposta al prolungato crollo dei viaggi internazionali e del turismo”.
Le tendenze WESO includono proiezioni complete del mercato del lavoro per il 2022 e il 2023 e forniscono valutazioni di come si è svolta la ripresa del mercato del lavoro in tutto il mondo, riflettendo diversi approcci nazionali alla ripresa pandemica e analizzando gli effetti su diversi gruppi di lavoratori e settori economici.LavoroIl rapporto dell’ILO mostra che, come nelle crisi precedenti, il lavoro temporaneo ha creato un cuscinetto di protezione contro lo shock della pandemia per alcuni.
Mentre molti posti di lavoro temporanei sono stati terminati o non rinnovati, ne sono stati creati di alternativi, anche per i lavoratori che avevano perso posti di lavoro permanenti. In media, l’incidenza del lavoro temporaneo non è cambiata.
Il WESO Trends offre anche una sintesi delle principali raccomandazioni politiche volte a creare una ripresa pienamente inclusiva e incentrata sull’uomo dalla crisi a livello nazionale e internazionale. Questi si basano sull’ Invito globale all’azione per una ripresa centrata sull’uomo dalla crisi COVID-19 che sia inclusiva, sostenibile e resiliente, adottata dai 187 Stati membri dell’Ilo nel giugno 2021.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli