8.9 C
New York
sabato, Luglio 13, 2024

Sahel: KAFO III, con sostegno UNODC (e Italia, Germania, Francia) colpiti i flussi di traffico di armi

VIENNA, 10 GENNAIO – In un’operazione della durata di due settimane contro il traffico di armi da fuoco nel Sahel, 850 agenti di tutte le forze dell’ordine competenti hanno sequestrato un totale di 594 armi e diverse migliaia di munizioni, anche tra sospetti terroristi, all’inizio di dicembre dello scorso anno. L’operazione sostenuta a UNODC, nome in codice KAFO, si è svolta per il terzo anno consecutivo con il coinvolgimento di polizia, gendarmeria, dogane, cellule aeroportuali anti-tratta, autorità marittime, nonché unità di frontiera e di perseguimento penale e mirava a interrompere i flussi illeciti di traffico di armi da fuoco. L’operazione KAFO III è stata resa possibile con il supporto di Italia, Germania, Francia. L’UNODC ha sostenuto l’operazione KAFO III attraverso il suo Global Firearms Programme, il Sahel Programme e AIRCOP. L’operazione ha anche ricevuto il sostegno del G5 Sahel, attraverso i suoi Gruppi di Azione Rapida – Monitoraggio e Intervento nel Sahel (GARSI).

Sahel
L’area del Sahel

Nel corso degli anni, l’operazione ha dimostrato di aiutare a comprendere meglio la portata e la natura di questo crimine nella regione, compresi i legami tra il traffico di armi da fuoco e altri tipi di criminalità. Prendendo di mira i valichi di frontiera terrestri, gli aeroporti internazionali e i porti marittimi in Burkina Faso, Ciad, Costa d’Avorio, Guinea, Mali, Niger e Senegal, le autorità hanno anche sequestrato 1.844 chilogrammi di esplosivo; 26.600 litri di carburante di contrabbando; 1.000 litri di precursori chimici esplosivi (acido nitrico); 1.200 chilogrammi di droga (prevalentemente cannabis); 120.800 cartoni di prodotti del tabacco di contrabbando; e più di 3.500.000 compresse di farmaci di contrabbando, tra cui tramadolo oppioide farmaceutico. Durante l’operazione, più di un centinaio di sospetti sono stati interrogati e arrestati. Sono in corso indagini per stabilire ulteriormente i legami tra il traffico di armi da fuoco e altri tipi di traffico e criminalità, compreso il terrorismo.

“Il lavoro non si ferma qui”, ha detto il capo del Global Firearms Programme dell’UNODC, Simonetta Grassi. “Il nostro obiettivo è continuare a lavorare con questi paesi per sostenere le indagini e il perseguimento dei casi che sono stati aperti a seguito dell’operazione”. Grassi ha sottolineato che questo è un processo in corso, poiché “negli ultimi due anni l’UNODC ha istituito un programma di tutoraggio per sostenere le indagini, l’azione penale del traffico di armi da fuoco e dei casi correlati”. Ha aggiunto che “l’operazione in sé diventa un esercizio di sviluppo delle capacità che contribuisce alla cooperazione internazionale su questi temi”.

Simonetta Grassi

Il coordinamento dell’operazione a livello nazionale è stato reso possibile sotto la guida delle Commissioni nazionali per le armi leggere e di piccolo calibro e degli Uffici centrali nazionali dell’INTERPOL.

Il commissario Paul Sidibe, dell’Ufficio centrale nazionale dell’INTERPOL in Mali, ha accolto con favore l’operazione, affermando che “l’effetto dell’operazione KAFO è stato molto positivo per la regione, queste operazioni sono un buon esempio degli sforzi contro la circolazione illecita di armi da fuoco”. KAFO, durata due settimane, è stata preceduta da diversi mesi di coordinamento e di attività di rafforzamento delle capacità pre-operative svolte a livello regionale e nazionale dall’inizio dell’anno.

 

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli