8.9 C
New York
venerdì, Maggio 24, 2024

Diritti Umani: Rondine torna all’Onu coi suoi progetti per leader di pace

NEW YORK, 10 DICEMBRE – Nella ricorrenza della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e a tre anni dal lancio al Palazzo di Vetro della campagna globale Leaders for Peace, Rondine Cittadella della Pace e tornata a mettere a disposizione il suo Metodo e l’attivismo dei giovani che si stanno formando come leader di pace a servizio della comunità globale.

“Questo ragazzi sono i leader di domani e hanno un ruolo da svolgere come agenti di una nuova narrativa di pace e di dialogo”, ha detto il Rappresentante Permanente italiano all’Onu Maurizio Massari intervenendo all’evento promosso da Rondine Cittadella della Pace e Rondine International Peace Lab (il network degli ex studenti che si sono formati a Rondine), in collaborazione con le Rappresentanze Permanenti dell’Italia e della Costa Rica presso le Nazioni Unite.

L’iniziativa e’ stata l’occasione di discutere le dodici proposte che emergono da “Our Common Agenda” – il rapporto del Segretario Generale delle Nazioni Unite, pubblicato nel settembre 2021 tra cui: promuovere attivamente la pace e la prevenzione dei conflitti; rispettare il diritto internazionale e garantire la giustizia; trattare i diritti umani come uno strumento di risoluzione dei problemi, compresi i diritti relativi alle tecnologie di frontiera e all’accesso a Internet; garantire un ruolo centrale alle donne, soprattutto alle più giovani; ascoltare i giovani e includerli nei processi decisionali. Un focus particolare e’ stato dato al tema dell’educazione per la pace e la tutela dei diritti umani.

Sono intervenuti nel dibattito il presidente di Rondine, Franco Vaccari, l’Ambasciatore del Costa Rica, A. CardozoMarija Vasileva-Blazev, Consigliere speciale dell’Inviato del Segretario Generale delle Nazioni Unite per i giovani; Nnaemeka Phil Eke-Okocha, ex alunno di Rondine e fondatore del progetto ADESSO in Nigeria e Amina Surkovic, Partecipante al progetto Mediterraneo Frontiera di Pace ed educatrice presso il Dipartimento di Ricerca del Museo dell’Infanzia di guerra in Bosnia ed Erzegovina.

Rondine propone infatti di aggiungere una quarta  “P” alle tre esistenti di Persone, Pianeta e Prosperità, la “P” della Pace, e di fare spazio a una quinta “P” – la “P” dei Progetti di impatto creati dagli ex alunni di Rondine nelle loro comunità di origine, al termine del loro percorso di studi e formazione. (@OnuItalia)

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli