8.9 C
New York
giovedì, Maggio 30, 2024

Diritti umani: da Missione d’inchiesta Onu atto d’accusa senza sconti contro la Libia

GINEVRA, 4 OTTOBRE – Ci sono ragionevoli motivi per credere che in Libia siano stati commessi crimini di guerra, mentre la violenza perpetrata nelle carceri e contro i migranti può equivalere a quella che prevede crimini contro l’umanità: lo afferma la Missione indipendente di accertamento dei fatti sulla Libia in un rapporto pubblicato oggi e che è al centro, a Ginevra, di una conferenza stampa.

Mohamed Auajjar, Presidente della Missione, Tracy Robinson, e Chaloka Beyani, entrambi membri della Missione, lanceranno questo primo rapporto voluto dal Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU.

“Le nostre indagini hanno stabilito che tutte le parti in conflitto, compresi gli Stati terzi, i combattenti stranieri e i mercenari, hanno violato il diritto internazionale umanitario, in particolare i principi di proporzionalità e distinzione, e alcuni hanno anche commesso crimini di guerra”, ha dichiarato Mohamed Auajja. La missione ha raccolto e esaminato centinaia di documenti, intervistato più di 150 persone e condotto indagini in Libia, Tunisia e Italia.
Il focus del lavoro includeva la condotta delle parti nei conflitti armati che hanno avuto luogo in tutta la Libia dal 2016. La violenza ha avuto un impatto drammatico sui diritti economici, sociali e culturali dei libici, come dimostrano gli attacchi a ospedali e scuole. “I civili hanno pagato un prezzo pesante durante le ostilità del 2019-2020 a Tripoli, così come durante altri scontri armati nel paese dal 2016. Gli attacchi aerei hanno ucciso decine di famiglie. La distruzione delle strutture sanitarie ha avuto un impatto sull’accesso all’assistenza sanitaria e le mine antiuomo lasciate dai mercenari nelle aree residenziali hanno ucciso e mutilato i civili”, ha detto Auajjar.

La missione d’inchiesta ha inoltre esaminato le violazioni nel contesto della privazione della libertà e ha documentato la situazione degli sfollati interni e quella dei migranti, dei rifugiati e dei richiedenti asilo.

“Migranti, richiedenti asilo e rifugiati sono sottoposti a una sequela di abusi in mare, nei centri di detenzione e per mano dei trafficanti“, ha spiegato Chaloka Beyani. “Le nostre indagini indicano che le violazioni contro i migranti sono commesse su vasta scala da attori statali e non statali, con un alto livello di organizzazione e con l’incoraggiamento dello Stato – il che è indicativo di crimini contro l’umanità”.

La missione d’inchiesta ha anche trovato prove di violenza commessa nelle carceri libiche, con i detenuti torturati quotidianamente e impossibilitati a visitare le loro famiglie.

Un centro di detenzione in LIbia

“La detenzione arbitraria in prigioni segrete e le condizioni insopportabili di detenzione sono ampiamente utilizzate dallo Stato e dalle milizie contro chiunque sia percepito come una minaccia ai loro interessi o opinioni”, ha accusato Tracy Robinson. “La violenza nelle carceri libiche è commessa su una tale scala e con un tale livello di organizzazione che può anche potenzialmente equivalere a crimini contro l’umanità”.

L’insicurezza cronica in Libia ha portato allo sfollamento interno di centinaia di migliaia di persone che sono finite in aree non attrezzate per accogliere grandi movimenti di popolazione. Alcuni gruppi etnici, come i Tawerghas, i Tebus e gli Alahali, sono sfollati dal 2011 e continuano ad affrontare gravi abusi. Le prove indicano che la Libia non è intervenuta per garantire la sicurezza degli sfollati interni e il loro ritorno al loro luogo di origine, in violazione dei suoi obblighi ai sensi del diritto internazionale.

Il rapporto della missione d’inchiesta documenta anche il reclutamento e la partecipazione diretta di bambini alle ostilità, le sparizioni forzate e le uccisioni extragiudiziali di donne di spicco e le continue forme di violenza sessuale e di altro tipo contro le popolazioni vulnerabili, comprese le persone LGBTQI. La Missione ha inoltre prestato particolare attenzione alle accuse di crimini atroci commessi nella città di Tarhuna (sud-est di Tripoli) tra il 2016 e il 2020.

Con il recente insediamento del Governo di Unità Nazionale, la Libia è entrata in una fase di dialogo nazionale e di unificazione delle istituzioni statali. Le autorità giudiziarie libiche stanno anche indagando sulla maggior parte dei casi documentati nel rapporto della missione d’inchiesta. Tuttavia, il processo di responsabilizzazione degli autori di violazioni e abusi deve affrontare sfide significative: “Esortiamo la Libia a intensificare gli sforzi per ritenere i responsabili responsabili a risponderne. È inoltre essenziale che la comunità internazionale continui a fornire sostegno alle autorità giudiziarie libiche”.

Notando che un’indagine completa sui diritti umani è uno strumento efficace per promuovere la responsabilità e promuovere la pace e la sicurezza a lungo termine, il rapporto raccomanda che il Consiglio per i diritti umani estenda il mandato della missione d’inchiesta per un altro anno. (@OnuItalia)

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli