8.9 C
New York
mercoledì, Luglio 24, 2024

Covid: OMS per moratoria su richiami vaccino e fa appello a G20, prima i poveri

GINEVRA, 6 AGOSTO – L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha chiesto una moratoria sui progetti di richiamo del vaccino COVID-19  “almeno alla fine di settembre” per consentire la protezione delle persone più vulnerabili del mondo. “Capisco la preoccupazione di tutti i governi di tutelare la loro gente dalla variante Delta, ma non possiamo accettare che paesi che hanno già avuto la maggior parte della fornitura globale di vaccini, ne utilizzino ancora di più, mentre le persone più vulnerabili del mondo rimangono non protette”, ha detto Tedros Adhanom Gebreyesus, capo dell’OMS.
Tedros ha ricordato di aver chiesto a maggio il sostegno internazionale per promuovere le vaccinazioni globali con l’obiettivo di consentire la vaccinazione di almeno il 10% della popolazione di ciascun paese entro la fine di settembre. L’aula ha approvato una relazione sulla situazione dei paesi in via di sviluppo, che falliranno l’obiettivo di vaccinare il 30 per cento entro la fine di quest’anno.

Tedros

Invertire una tendenza dannosa
Tedros ha indicato che finora più di quattro miliardi di dosi di vaccino COVID-19 sono state somministrate in tutto il mondo, l’80% delle quali in paesi ad alto e medio reddito, anche se meno della metà della popolazione mondiale vive lì.
A partire da maggio, i paesi ad alto reddito avevano somministrato circa 50 dosi ogni 100 persone, una cifra che da allora è quasi raddoppiata, mentre la mancanza di offerta nei paesi a basso reddito ha lasciato solo 1,5 dose ogni 100 persone.
“Tuttavia, alcuni paesi ricchi stanno considerando dosi di richiamo anche se ci sono centinaia di milioni di persone in attesa della prima dose”, ha sottolineato.
Il progresso dipende dal G20
L’OMS ha insistito sul fatto che il raggiungimento degli obiettivi di vaccinazione globale richiede la cooperazione di tutti, “in particolare della manciata di paesi e aziende che controllano l’offerta globale di vaccini” e ha affermato che le principali nazioni industrializzate del G20 hanno un ruolo vitale da svolgere in quanto i suoi membri sono i maggiori produttori, consumatori e donatori di vaccini COVID-19.
“Non è un eufemismo dire che il corso della pandemia dipende dalla leadership dei Paesi del G20”, ha detto, aggiungendo che tra un mese i ministri della Salute del G20 si riuniranno, in vista del vertice di ottobre, invitandoli a “prendere impegni concreti per sostenere gli obiettivi globali di vaccinazione dell’OMS”. Chiediamo ai produttori di vaccini di dare priorità alla COVAX“.
Appello a personaggi pubblici e influenti
Tedros ha anche invitato olimpionici, imprenditori, leader religiosi e altre personalità influenti, così come ogni individuo e comunità a sostenere la moratoria sulle dosi di richiamo.  Da parte sua Jarbas Barbosa, vicedirettore della Pan American Health Organization (PAHO) ha sottolineato che finora non ci sono prove che una dose di richiamo aggiunga benefici immunitari alle persone che hanno già il corso di vaccinazione completo. Sia l’OMS che la PAHO hanno ribadito che i vaccini non sono l’unico strumento per sconfiggere la pandemia di COVID-19 e hanno ricordato che “non esiste alcuna misura che da sola sia sufficiente per porre fine all’emergenza sanitaria”. “Possiamo sconfiggerlo solo con un approccio globale ai vaccini e misure di salute pubblica e sociali comprovate che sappiamo funzionare”, ha sottolineato Tedros.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli