8.9 C
New York
sabato, Giugno 22, 2024

UNICEF: Russell incontra Papa Francesco, no alla ‘globalizzazione dell’indifferenza’

ROMA, 27 MAGGIO – La Direttrice generale dell’UNICEF Catherine Russell ha concluso una visita di tre giorni a Roma, dove ha incontrato Papa Francesco e si è unita a migliaia di bambini in occasione della prima “giornata per i bambini” organizzata dal Vaticano per contribuire a incoraggiare un’azione globale a favore di milioni di bambini colpiti da povertà, conflitti e crisi climatiche.
Non è facile essere un bambino nel mondo di oggi. Centinaia di milioni di bambini continuano a vedersi strappare la vita da guerre e violenze, da povertà e disuguaglianze e dall’impatto dei cambiamenti climatici, come siccità, incendi, tempeste più forti e inquinamento”, ha dichiarato Russell. “Papa Francesco ha messo in guardia da una globalizzazione dell’indifferenza. Dobbiamo trasformare l’indifferenza e il disprezzo per i diritti e il benessere dei bambini in una globalizzazione di pace, gentilezza e cura per ogni bambino, ovunque”.
Ieri Russell si è unita a Papa Francesco e a decine di migliaia di bambini da tutto il mondo, compresi i paesi devastati dalla guerra, insieme a genitori, celebrità locali e centinaia di volontari dell’UNICEF allo Stadio Olimpico di Roma. Durante l’evento, organizzato dal Dicastero per la Cultura e l’Educazione della Santa Sede, Russell ha esortato i bambini presenti allo stadio e quelli che lo guardavano in tutto il mondo, a contribuire a creare un mondo più pacifico, equo e vivibile.
Successivamente, accompagnata da 10 bambini, Russell ha incontrato privatamente Papa Francesco in Vaticano, che era accompagnato da Padre Enzo Fortunato e Aldo Cagnoli. Russell ha consegnato due quadri di bambini della Repubblica Democratica del Congo. Sia il Papa che Russell hanno visitato negli ultimi anni il Paese devastato dalla guerra, dove i bambini sono vittime di terribili violenze e privazioni.
“In qualsiasi conflitto o disastro, i bambini sono sempre i primi a soffrire, e sono quelli che soffrono di più”, ha dichiarato Russell. “Dobbiamo ascoltare le voci dei bambini e realizzare un mondo a misura di ogni bambino. Non possiamo essere compiacenti quando i bambini vengono uccisi, feriti e sono privati del loro futuro”.
Circa 400 milioni di bambini – ovvero circa 1 bambino ogni 5 – vivono o fuggono da zone di conflitto, luoghi come Gaza, Haiti, Repubblica Democratica del Congo, Sudan, Ucraina e Yemen. Allo stesso tempo, più di 1 miliardo di bambini vive attualmente in Paesi che sono a “rischio estremamente elevato” per gli impatti del cambiamento climatico.

Nel primo giorno della sua visita, Russell ha incontrato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, per discutere di come proteggere meglio i bambini vulnerabili in tutto il mondo, compresi quelli che vivono in situazioni di emergenza umanitaria e i bambini migranti e rifugiati.
La visita della Russell è coincisa con i 50 anni di attività di advocacy e raccolta fondi del Comitato nazionale dell’UNICEF in Italia, che si celebrano quest’anno. Durante la visita, Russell ha ringraziato il Governo e il popolo italiano per il loro sostegno di lunga data al lavoro dell’UNICEF a favore dei bambini di tutto il mondo.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli