8.9 C
New York
giovedì, Maggio 30, 2024

Global Compact: guida alle imprese per catene di approvvigionamento

NEW YORK, 3 AGOSTO – Il Global Compact delle Nazioni Unite ha pubblicato oggi nuove linee guida intitolata Just Transition in Supply Chains per aiutare le aziende a gestire meglio i rischi climatici, ponendo il concetto di Transizione Giusta come pilastro fondamentale nella gestione complessiva delle catene di approvvigionamento. Il documento, sviluppato dallo Stockholm Environment Institute con il contributo di partner e partecipanti aziendali del Think Lab on Just Transition, evidenzia esempi recenti di aziende che implementano politiche e pratiche per gestire gli impatti ambientali e sociali delle loro catene di fornitura  e offre cinque raccomandazioni per migliorare la sostenibilità e la resilienza delle catene di fornitura attraverso una transizione giusta

Una Transizione Giusta garantisce che le economie sostenibili dal punto di vista ambientale vengano promosse in modo equo e inclusivo per tutti gli interessati, creando opportunità di lavoro dignitose e lasciando nessuno indietro. Questo implica per le aziende l’inserimento di principi di dialogo sociale, diritti del lavoro e occupazione dignitosa nelle strategie di gestione dei rischi climatici per offrire benefici condivisi per le imprese, i lavoratori e le comunità.

Commentando il rilascio delle nuove linee guida, Sanda Ojiambo, CEO e Direttore Esecutivo del Global Compact delle Nazioni Unite, ha dichiarato: “Le aziende hanno una responsabilità unica nel garantire che le catene di fornitura siano al centro di una transizione giusta verso la decarbonizzazione, aprendo la strada a un futuro più verde, più equo e più prospero per le loro imprese, i lavoratori e le comunità più ampie”.

Le aziende devono anche coinvolgere gli stakeholder interessati per garantire una gestione adeguata dell’impatto sulle comunità circostanti durante la transizione delle loro operazioni aziendali. Inoltre, un dialogo aperto e trasparente faciliterà l’inclusione di prospettive diverse, promuovendo la fiducia e assicurando che il piano soddisfi le varie esigenze e aspirazioni degli stakeholder. Questo è cruciale non solo per le operazioni delle aziende, ma anche per le loro catene di fornitura.

Le azioni aziendali sul clima volte alle catene di approvvigionamento hanno guadagnato rilevanza negli ultimi anni, poiché le emissioni della catena del valore sono in media 11,4 volte superiori alle emissioni operative delle aziende. Gli investitori si aspettano sempre più che le aziende avanzino nella sostenibilità delle catene di fornitura. Le azioni intraprese dalle imprese per raggiungere l’obiettivo di zero emissioni spesso richiedono loro di cercare nuove fonti di approvvigionamento, tecnologie e competenze, il che può comportare inaspettati rischi sociali e lavorativi. Questi includono impatti sull’occupazione dei lavoratori in diversi settori e problemi di lavoro nelle catene di fornitura, come il lavoro minorile, le condizioni di lavoro pericolose e l’impatto negativo sulle comunità, comprese le comunità indigene.

Måns Nilsson, Direttore Esecutivo dello Stockholm Environment Institute, ha affermato: “La sostenibilità e la resilienza climatica delle catene di fornitura hanno ricevuto maggiore attenzione tra le imprese e i responsabili delle politiche. È quindi stata un’ottima opportunità lavorare insieme ai partner del Global Compact delle Nazioni Unite sulla transizione giusta e dimostrare come l’inclusione di considerazioni sociali nelle azioni aziendali volte al clima nelle catene di fornitura possa beneficiare le imprese, i lavoratori e le comunità”.

Il Global Compact delle Nazioni Unite è un’iniziativa speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite, un appello alle aziende di tutto il mondo per allineare le loro operazioni e strategie con Dieci Principi nei settori dei diritti umani, del lavoro, dell’ambiente e della lotta alla corruzione. L’ambizione è accelerare e ampliare l’impatto collettivo globale delle imprese promuovendo i Dieci Principi e realizzando gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile attraverso aziende e ecosistemi responsabili che favoriscano il cambiamento. Con oltre 18.000 aziende e 3.800 firmatari non aziendali con sede in oltre 160 paesi e 62 reti locali tra cui quella italiana, il Global Compact delle Nazioni Unite è la più grande iniziativa aziendale per la sostenibilità del mondo. (@OnuItalia)

Alessandra Baldini
Alessandra Baldinihttps://onuitalia.com
Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli