8.9 C
New York
giovedì, Maggio 30, 2024

Gcmun: con Niko Romito cucina italiana in cattedra all’Onu davanti a studenti. E ci sarà anche Achille Lauro

NEW YORK, 17 MARZO – L’alta cucina italiana sale in cattedra all’Assemblea dell’Onu, con lo chef stellato Niko Romito che dialogherà con migliaia di giovani di tutto il mondo, portando la sua esperienza e la sua idea di alta cucina italiana:
Niko Romito, cuoco e anima del ristorante Reale, tre stelle Michelin a Castel di Sangro in Abruzzo, domenica sarà a New York alle Nazioni Unite per confrontarsi con circa tremila giovani al Gcmun.

Niko Romito

“Salire sul suggestivo palco dell’aula dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel Palazzo di Vetro, ma soprattutto parlare a più di mille ragazzi, già così intraprendenti e dinamici, è per me un grande privilegio”, ha commentato Romito.
La sua partecipazione rientra nell’iniziativa in corso a New York, per tutto il mese di marzo, del Global citizens model United Nations (Gcmun), simulazione internazionale studentesca dei lavori negoziali dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, organizzata da United Network Europa, con la partecipazione di oltre 5.000 studenti provenienti da tutto il mondo.

Da anni – fa sapere il cuoco abruzzese che firma anche la ristorazione dei Bulgari Hotel – collaboro con la Fao e con l’Università La Sapienza di Roma per migliorare la ristorazione pubblica. Dagli ospedali alle scuole il cibo proposto dovrebbre offrire un corretto apporto nutrizionale senza rinunciare a qualità e gusto, oltre che insegnare a nutrirsi. Coi ricercatori de La Sapienza abbiamo definito un progetto, entrato poi nelle Linee guida Fao, per far sì che le tecniche di cucina e conservazione più innovative salvaguardino anche la qualità del piatto effettivamente servito ai pazienti e alle scolaresche”.

Per tre giorni i ragazzi si riuniranno nell’Aula dell’Assemblea Generale al Palazzo di Vetro, seduti sugli scranni rappresentando ognuno un Paese e discutendo dei temi globali, alla fine di un’esperienza in corso a New York per tutto il mese di marzo. E la kermesse newyorkese è la tappa finale dell’iniziativa Imun 2023 (Italian Model United Nations), nella quale gli studenti hanno affrontato i temi dell’Agenda globale: dalla sostenibilità ambientale alle armi di distruzione di massa, dall’educazione dei minori in zone di guerra ai diritti delle donne.

Achille Lauro

Quest’anno l’evento nel Palazzo di Vetro è anche dedicato all’arte, ”GCMUN TALKS, The Arts for Global Citizenship #AGCNewYork23, per avviare i giovani alla cittadinanza globale attraverso i linguaggi dell’espressione artistica, in un dialogo con personaggi del mondo della cultura, oltre al ‘contronto-dibattito’, sempre domenica, col cantante Achille Lauro.

Nella giornata conclusiva il 25 marzo dal podio delle Nazioni Unite parleranno, davanti a più di seicento studenti, anche il direttore del dipartimento di ricerca scientifica del Metropolitan Museum of Art di New York, l’italiano Marco Leona, e l’ultimo vincitore dell’Italian Teacher Award, un premio agli insegnanti per i migliori progetti didattici, Riccardo Bonomi.

Romito interverrà domenica mattina, insieme al cantante Achille Lauro.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli