8.9 C
New York
sabato, Maggio 25, 2024

Il potere dello sport, tavola rotonda promossa dall’Onu per sradicare estremismo e narrazioni d’odio

ROMA, 16 FEBBRAIO – Per celebrare la prima Giornata Internazionale per la Prevenzione dell’Estremismo Violento il Programma Sportivo Globale guidato dall’Ufficio delle Nazioni Unite per l’Antiterrorismo (UNOCT) ha ospitato una tavola rotonda virtuale di 90 minuti sul potere dello sport per prevenire l’estremismo violento (PVE). Atleti professionisti, organizzazioni della società civile, leader giovanili e rappresentanti di organizzazioni internazionali, federazioni sportive e Stati membri hanno avuto una conversazione interattiva sul ruolo dello sport nel promuovere la resilienza all’estremismo violento e alle narrazioni di odio.
Oltre all’UNOCT hanno organizzato l’evento anche l’Istituto interregionale di ricerca sulla criminalità e la giustizia delle Nazioni Unite (UNICRI), l’Alleanza delle Civiltà delle Nazioni Unite (UNAOC), il Centro Internazionale per la Sicurezza dello Sport (ICSS) e la Fondazione Generation Amazing.

Lo sport ha svolto a lungo un ruolo significativo nella diffusione di valori positivi in tutto il mondo attraverso le civiltà e le culture, in particolare tra i giovani. In quanto tale, lo sport è un potente vettore per prevenire l’estremismo violento (PVE) a livello globale, regionale, nazionale e subnazionale, nonché per promuovere la parità di genere e l’emancipazione di donne e ragazze. Il Programma Globale delle Nazioni Unite per la sicurezza dei grandi eventi sportivi e la promozione dello sport e dei suoi valori come strumento per prevenire l’estremismo violento (‘Programma Sportivo Globale’) fornisce assistenza tecnica agli Stati membri su come attuare le iniziative PVE basate sui valori dello sport all’interno delle iniziative nazionali per prevenire l’estremismo violento.
Basandosi sulla campagna #MoreThanAGame del Global Sports Programme, la tavola rotonda ha affrontato  le modalità su come lo sport può influenzare positivamente la vita oltre i confini, le generazioni e le comunità.
“Lo sport ha il potere di trasmettere valori essenziali di rispetto, inclusione e solidarietà”, ha detto Mauro Miedico, vicedirettore e capo del ramo progetti speciali e innovazione presso l’UNOCT. “Se applicato in tandem con strategie più ampie di prevenzione dell’estremismo violento, può funzionare contro i driver della radicalizzazione che portano all’estremismo violento”.

I relatori alla tavola rotonda hanno dimostrato il potere dello sport nel superare l’impatto devastante della guerra, dello sfollamento e dei conflitti che affliggono milioni di persone in un momento in cui gruppi terroristici come ISIL (o Dae’sh), Al-Qaeda e Boko Haram stanno ancora diffondendo messaggi di intolleranza religiosa, culturale e sociale.
Isabella Echeverri, calciatrice colombiana e ambasciatrice del movimento Save the Dream, ha affermato che gli atleti sono modelli di ruolo dentro e fuori dal campo.
“Nello sport, è importante rispettare i tuoi avversari, essere leali alla tua squadra, mostrare integrità gestendo una dura sconfitta, coraggio e umiltà quando vinci una partita”, ha detto. “Quando lasciamo il campo, possiamo usare le nostre piattaforme per ispirare e aiutare i giovani, ad esempio, a mostrare rispetto, amare i loro corpi, essere gentili con le altre persone, essere consapevoli dei problemi di salute mentale, mangiare meglio e fare esercizio fisico”.
Serve una nuova strategia digitale
Jessica Hutting, responsabile del programma presso la Kampus Diakoneia Modern Foundation in Indonesia, ha detto che calciare una palla attraverso un campo o lanciarla in un canestro, offre ai giovani la possibilità di socializzare e superare le differenze.
Lo sport può essere un mezzo unificante“, ha detto. “Le persone possono parlare in molte lingue diverse, ma lo sport può essere un linguaggio di connessione che scioglie queste differenze”.
Masereka Wilber, dell’Integrated Community Development Initiative, ha spiegato che lo stress e i disturbi mentali che ha affrontato dopo la guerra nella Repubblica Democratica del Congo lo hanno portato a odiare le persone. Ma il calcio ha cambiato le cose, insegnandogli il lavoro di squadra e la tolleranza. “Quando sei in campo, giochi come una squadra”, ha detto. Una sovvenzione delle Nazioni Unite sta finanziando gli sforzi per raggiungere più giovani come lui, ha detto, aggiungendo che nuovi sforzi stanno raggiungendo la formazione delle comunità di rifugiati.
Le donne afghane
L’ex capitana e fondatrice della squadra di calcio femminile dell’Afghanistan, Khalida Popal, ha spiegato come essere lei stessa una rifugiata presenti delle sfide, dal pregiudizio all’esclusione. “Come rifugiata, quello che ho sentitodire è che ‘i rifugiati stanno arrivando per prendere i nostri soldi’”, ha detto. “Non voglio soldi; Voglio contribuire in egual misura alla società”. Per mostrare buoni esempi di minoranze, compresi i rifugiati, che stanno avendo un impatto positivo, ha fondato la Girl Power Organization come ponte dall’Europa al Medio Oriente per fornire modi in cui donne e ragazze possono connettersi e prosperare attraverso lo sport e l’istruzione.
La prima donna a vincere l’Equal Game Award dell’organismo calcistico europeo (UEFA), ha detto che lo sport l’ha aiutata a trovare la fiducia per essere una voce per chi non ha voce. Cresciuta in una zona di guerra dominata dagli uomini, ha rilevato che lo sport può creare uno spazio sicuro tra le donne per discutere alcune di queste sfide. “Il calcio è sempre stato uno strumento potente”, ha detto. “Stiamo cercando di usare lo sport come strumento per riunire le persone e sensibilizzare”.
Promuovere l’unità
Sui campi di calcio di tutto il mondo, i gruppi locali stanno lanciando una serie di altri progetti innovativi con sovvenzioni del programma globale delle Nazioni Unite, che si impegna con i giovani per garantire che i responsabili politici considerino le loro competenze e prospettive uniche e con gli Stati membri per fornire assistenza tecnica su come incorporare queste iniziative nelle strategie nazionali per prevenire l’estremismo violento. “Cerchiamo di promuovere l’unità”, ha detto Kwaku Ofosu-Asare, presidente esecutivo dei tredicesimi Giochi africani, che si terranno ad agosto in Ghana. Le grandi competizioni sportive come i Giochi africani possono essere una piattaforma per inviare messaggi di pace, rappresentando un’altra opportunità per motivare i giovani.

L’Onu un “prezioso alleato”
Massimiliano Montanari, direttore esecutivo di Save the Dream, ha affermato infine che lo sport può costruire società più eque e inclusive. Evidenziando i progetti per promuovere la riconciliazione in Somalia, Sudan e altri paesi, ha affermato che il programma delle Nazioni Unite rappresenta un “prezioso alleato” per gli attivisti che mirano a costruire società in cui l’estremismo violento non può prendere piede.”Vivendo un’amicizia attraverso lo sport, quando i bambini giocano insieme, è una celebrazione della Giornata internazionale, ogni giorno”, ha detto.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli