8.9 C
New York
venerdì, Luglio 12, 2024

Ucraina: Onu; dramma nel dramma, donne a rischio violenze e stupri

NEW YORK, 12 MARZO – Cresce l’allarme delle Nazioni Unite per le sempre più frequenti segnalazioni di violenza sessuale e tratta di esseri umani in Ucraina commesse contro donne e bambini nel contesto di massicci sfollamenti e dell’invasione russa in corso . Sima Bahous, direttore esecutivo dell’agenzia delle Nazioni Unite per l’uguaglianza di genere e l’emancipazione, UN Women, ha affermato che le segnalazioni di stupri e altri crimini stanno emergendo mentre un numero enorme di ucraini sfollati continua a fuggire dalle loro case tra soldati e mercenari arruolati e sullo sfondo di brutali uccisioni di civili.

Bahous ha raccontato il suo viaggio recentemente conclusosi nella Repubblica di Moldavia, dove ha visto autobus pieni di donne e bambini esausti accolti al confine ucraino da compassionevoli lavoratori della società civile. Come parte del suo mandato di coordinamento, UN Women sta sostenendo tali gruppi “per garantire che la natura di genere di questa crisi sia affrontata con una risposta sensibile al genere”.

Condannando con la massima fermezza l’attacco dell’8 aprile alla stazione ferroviaria di Kramatorsk, che ha ucciso decine di donne e bambini in attesa di lasciare l’Ucraina, ha anche avvertito che “questo trauma rischia di distruggere una generazione”.

Foto unicef

Manuel Fontaine, Direttore delle Emergenze dell’UNICEF, ha detto che le squadre dell’UNICEF stavano scaricando forniture umanitarie salvavita a solo un chilometro di distanza dalla stazione ferroviaria di Kramatorsk al momento dell’attacco. Nel frattempo, i bambini, le famiglie e le comunità in Ucraina rimangono sotto attacco, molti non hanno abbastanza cibo e gli attacchi ai sistemi idrici hanno lasciato circa 1,4 milioni di persone senza accesso a un approvvigionamento sicuro di acqua potabile.

Al 10 aprile, l’ONU ha verificato 142 bambini uccisi e 229 bambini feriti, ma ”questi numeri sono probabilmente molto più alti”. Centinaia di scuole e strutture educative sono state attaccate o utilizzate per scopi militari. Sottolineando che quasi i due terzi di tutti i bambini ucraini sono stati sfollati dall’inizio del conflitto, Fontaine ha detto che l’UNICEF e i suoi partner stanno facendo tutto il possibile, sia all’interno che all’esterno dell’Ucraina, compreso un attento monitoraggio della salute, dei diritti e della dignità delle donne e delle ragazze man mano che cresce il rischio di sfruttamento e abuso. Tuttavia, i combattimenti in corso stanno impedendo l’accesso a molte aree del paese.

A informare il Consiglio è stata anche Kateryna Cherepakha, presidente dell’organizzazione La Strada-Ucraina, che ha affermato che i gruppi locali per i diritti umani stanno attualmente consolidando gli sforzi per salvare vite civili e raccogliere testimonianze di sopravvissuti sui crimini di guerra commessi dalla Federazione Russa. Nonostante le chiare indicazioni del loro status di civili – e anche mentre cercano di fuggire – donne ucraine disarmate con bambini sono state brutalmente uccise dalle truppe russe, ha detto. Sottolineando la crescente vulnerabilità delle donne e delle ragazze alla minaccia di rapimenti, torture e uccisioni, ha tuttavia messo in guardia dal vedere le donne ucraine soo come semplici vittime dell’aggressione militare russa: ”In effetti, ha detto, le donne volontarie, attiviste, giornaliste e difensore dei diritti umani, sono parte integrante del paese e della resistenza Ucraina”.

Maria Novella Topi
Maria Novella Topihttps://onuitalia.com
Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli