8.9 C
New York
giovedì, Luglio 25, 2024

UNCA Awards: Sara Manisera premiata per docufilm su Iraq senz’acqua

NEW YORK, 8 DICEMBRE – Giovane. Giornalista. Italiana. Freelance: quattro categorie che definiscono Sara Manisera, premiata oggi a New York per il suo documentario sull’acqua e la crisi climatica in Iraq.

Sara era a New York per il premio che le e’ stato consegnato nell’ambito della serata degli UNCA Awards, i premi dell’associazione dei corrispondenti internazionali all’ONU, alla presenza del presidente dell’Assemblea Generale Abdulla Shahib e dell’ambasciatore italiano all’Onu Maurizio Massari.

“Iraq without water”, prodotto dalla ong Un Ponte Per e uscito nel 2020 in occasione della Giornata Internazionale dell’Acqua, e’ un webdoc multimediale che racconta gli sforzi di giovani ambientalisti iracheni, nati prima o durante l’invasione americana dell’Iraq nel 2003, per difendere il diritto all’acqua nel paese del Tigri e dell’Eufrate, il paese dei fiumi, minacciato da fattori che solo in parte hanno a che fare con il climate change ma che rischia di innescare, se non controllata, futuri conflitti. 

“Vedere premiata una giovane giornalista italiana indipendente, che svolge il suo lavoro con coraggio e fra mille sfide, e’ un motivo di vanto per il nostro Paese e per il giornalismo italiano nel mondo”, ha detto l’Ambasciatore Massari notando che “il premio si combina bene con il ruolo di primissimo piano svolto dall’Italia nel 2021 per la lotta al cambiamento climatico sia nel quadro della sua Presidenza del G20, sia nel contesto della COP26 in partenariato con il Regno Unito”. Massari ha ricordato il forte impegno italiano per la stabilità e prosperità dell’Iraq.

“Iraq senz’acqua” parte da Mosul e arriva a Shatt-al-Arab alla confluenza dei due grandi fiumi. Con Sara, che lavora in Medioriente e in particolare in Libano, Iraq e Siria su temi che riguardano le donne, la societa’ civile, l’ambiente i diritti umani e i conflitti, sono stati premiati altri giornalisti da vari paesi del mondo per le categorie “copertura del Covid-19” e dell’attivita’ ONU a tutto tondo.

L’UNCA e’ stata fondata nel 1948 a Long Island dove si trovava allora il quartier generale temporaneo dell’ONU. All’epoca contava 56 membri, quasi tutti americani e canadesi. Ne fanno parte adesso circa 200 giornalisti provenienti da tutto il mondo. I lavori di Sara sono stati in passato pubblicati su Al Jazeera, Vicenews, Middle East Eye, Al Monitor, CNN Antony Bourdain, Slate, Roads&Kingdoms, The National, Lookout News, Open migration, The New Arab, The Nation, CSmonitor, Deutsche Welle, La Stampa, International, Panorama, il Venerdì, D La Repubblica, Altreconomia, Syria Deeply, RSI news, Zenith, Millennium FQ, Diari Journada, Jesus, Confronti e Lifegate. (@OnuItalia)

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli