8.9 C
New York
venerdì, Maggio 17, 2024

Acqua: entro il 2050 5 miliardi di persone a rischio dice nuovo rapporto Onu

GINEVRA, 7 OTTOBRE – Cinque miliardi di persone a rischio di carenza di acqua pulita entro il 2050: il nuovo rapporto dell’Onu dal titolo The State of Climate Services 2021: Water è preoccupante e richiede sforzi e mobilitazione di tutti. I rischi legati all’acqua come inondazioni e siccità, sono in aumento a causa dei cambiamenti climatici, si prevede che il numero di persone che soffrono di stress idrico aumenterà, esacerbato dall’aumento della popolazione e dalla diminuzione della disponibilità. Ma la gestione, il monitoraggio, le previsioni e gli allarmi precoci sono frammentati e inadeguati, mentre gli sforzi di finanziamento globale per il clima sono insufficienti secondo il nuovo rapporto multi-agenzia.

“L’aumento delle temperature sta causando cambiamenti delle precipitazioni globali e regionali, portando a cambiamenti nei modelli di precipitazioni e nelle stagioni agricole, con un impatto importante sulla sicurezza alimentare e sulla salute e sul benessere umano”, afferma il Segretario Generale dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale Prof. Petteri Taalas. “L’anno scorso ha visto una continuazione di eventi estremi legati all’acqua. In tutta l’Asia, le precipitazioni estreme hanno causato enormi inondazioni in Giappone, Cina, Indonesia, Nepal, Pakistan e India. Milioni di persone sono state sfollate e centinaia sono morte. Ma non è solo nei paesi in via di sviluppo che le inondazioni hanno portato a gravi disagi. Le inondazioni catastrofiche in Europa hanno portato a centinaia di morti e danni diffusi”, ha detto.

“La mancanza di acqua continua ad essere una delle principali cause di preoccupazione per molte nazioni, specialmente in Africa. Più di due miliardi di persone vivono in paesi stressati dall’acqua e soffrono della mancanza di accesso all’acqua potabile sicura e ai servizi igienico-sanitari“, ha detto esortando: ””Dobbiamo svegliarci di fronte all’incombente crisi idrica”.

Per il rapporto la gestione integrata delle risorse idriche è fondamentale per raggiungere il benessere sociale, economico e ambientale a lungo termine. Ma, nonostante alcuni progressi, 107 paesi rimangono fuori strada per raggiungere l’obiettivo di gestire in modo sostenibile le loro risorse idriche entro il 2030. Nel complesso, il mondo è seriamente in ritardo rispetto all‘obiettivo di sviluppo sostenibile n. 6 delle Nazioni Unite (SDG 6) per garantire la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e dei servizi igienico-sanitari per tutti. Nel 2020, 3,6 miliardi di persone non disponevano di servizi igienico-sanitari gestiti in modo sicuro, 2,3 miliardi mancavano di servizi igienici di base e oltre 2 miliardi vivono in paesi stressati dall’acqua con mancanza di accesso all’acqua potabile sicura. 75 paesi hanno riportato livelli di efficienza idrica inferiori alla media, di cui 10 con livelli estremamente bassi. Gli attuali tassi di progresso devono quadruplicare per raggiungere gli obiettivi globali entro il 2030.

La buona notizia è che le nazioni sono determinate a migliorare la situazione. Secondo la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), l’acqua e il cibo sono le due questioni prioritarie dei contributi determinati a livello nazionale (NDC) all’accordo di Parigi, con i paesi che sottolineano la necessità di rafforzare i servizi climatici per l’acqua.

Il rapporto è stato coordinato dall’OMM (l’Organizzazine Meteorologica MOndiale) e contiene contributi di oltre 20 organizzazioni internazionali, agenzie di sviluppo e istituzioni scientifiche. È accompagnato da una Story Map.

 

 

 

 

 

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli