8.9 C
New York
domenica, Maggio 26, 2024

Obesita’ infantile grave: WHO, alti tassi Sud Europa puntano a abbandono Dieta Mediterranea

GLASGOW, 29 APRILE – Giallo obesità infantile nei pesi del Sud Europa. Una nuova ricerca dell’OMS rivela un ampio gradiente di grave obesità infantile in tutta Europa, con l’Europa meridionale – compresa l’Italia – che ha i livelli più alti. La ricerca ha sconcertato per gli esperti riuniti al Congresso europeo sull’obesità a Glasgow, Regno Unito (28 aprile – 1 maggio). Secondo gli autori dello studio “l’erosione della dieta mediterranea nei paesi dell’Europa meridionale potrebbe essere uno dei fattori collegati a questo grave problema”.

Il numero totale di bambini di età compresa tra 6-9 anni inclusi nell’analisi era di 636.933 (ragazzi 323.648 / 50.8% e ragazze 313.285 / 49.2%). I ricercatori hanno riscontrato grandi differenze nella prevalenza dell’obesità grave tra i paesi partecipanti: dall’1,0% nei bambini svedesi e moldavi al 5,5% nei bambini maltesi (Tabella 2). I paesi dell’Europa meridionale (Grecia, Malta, Italia, Spagna e San Marino) hanno registrato i più alti livelli di obesità grave, superiore al 4%. Nei paesi dell’Europa occidentale e settentrionale, come Belgio, Irlanda, Norvegia e Svezia, la prevalenza era inferiore al 2%.

Angela Spinelli

Lo studio e’ stato guidato dalla dott.ssa Angela Spinelli dell’Istituto Superiore di Sanità con colleghi in tutta Europa. L’obesità grave nei bambini è associata a problemi cardiovascolari, metabolici e di altro tipo a lungo e a lungo termine. Se confrontato con bambini in sovrappeso o obes, i bambini con obesità grave hanno in particolare un profilo di fattori di rischio cardiometabolico molto peggiore. Inoltre, le opzioni di trattamento e di gestione hanno un impatto limitato e non sono diffuse nella regione europea dell’OMS. Sebbene in passato diversi studi abbiano confrontato l’obesità infantile “regolare” tra paesi, finora non sono stati effettuati studi comparativi con i dati sull’obesità infantile grave dei paesi europei.

“La presenza di più alti tassi di prevalenza di obesità grave nel sud è in linea con precedenti studi sull’obesità e sovrappeso tra i bambini, gli adolescenti e gli adulti europei. La ragione rimane elusiva, ma alcune possibili ragioni possono essere suggerite: ad esempio, studi di bambini e adolescenti europei suggeriscono che l’altezza inferiore, trovata nei paesi dell’Europa meridionale, potrebbe essere una spiegazione. Altre spiegazioni possono essere legate al peso alla nascita, alla durata del sonno, ai modelli di attività fisica o dietetica. La perdita della dieta mediterranea nei paesi dell’Europa meridionale potrebbe essere collegata a questo grave problema”. Gli esperti hanno notato anche che tassi relativamente bassi di prevalenza di sovrappeso e obesità sono stati osservati in paesi che stanno vivendo una transizione nutrizionale (ad esempio Albania e Moldavia). Senza misure politiche tempestive, appropriate ed efficaci per prevenire l’obesità, c’è il rischio che i tassi di prevalenza in questi paesi alla fine corrispondano ai livelli osservati in altri paesi europei.

Gli autori suggeriscono anche un possibile collegamento tra livello di istruzione dei genitori e obesità infantile grave. In sei su 8 paesi che includevano nell’analisi i dati sull’educazione dei genitori:: “Le differenze nel livello di istruzione della madre rafforzano il fatto che esiste un problema di disuguaglianza e che dovrebbe essere considerato quando si escogitano strategie per affrontare l’obesità grave infantile. Gli interventi di promozione della salute basati sulla scuola hanno il potenziale per raggiungere i bambini da tutti i background socio-economici e possono quindi fornire una via importante per affrontare le disuguaglianze sanitarie”. (@OnuItalia)

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli