8.9 C
New York
venerdì, Maggio 17, 2024

Gianluigi Benedetti nuovo Ambasciatore italiano a Tokyo

ROMA, 6 OTTOBRE – “È un onore rappresentare l’Italia in Giappone, un paese dove ho iniziato la carriera, che amo profondamente e in cui ritorno con entusiasmo”. Queste le prime parole di Gianluigi Benedetti, nuovo Ambasciatore d’Italia a Tokyo, al suo arrivo nella capitale nipponica nella giornata di venerdì 1 ottobre. L’ambasciatore si insedia e sostituisce così Giorgio Starace, in carica dal 2017 e destinato a ricoprire il ruolo di Ambasciatore d’Italia in Russia, nel grande giro di poltrone che ha coinvolto alcune delle ambasciate più significative per l’Italia nel mese di ottobre.

L’ambasciatore Benedetti torna nel luogo dove, quasi 35 anni fa, ha avuto inizio la sua carriera in qualità di Consigliere dell’ufficio economico e commerciale. La sua carriera è proseguita in America, prima nell’ambito delle relazioni bilaterali tra Italia e Stati Uniti e successivamente presso l’Ufficio NATO del Dipartimento di Stato US. In seguito, a partire dal 2001, una lunga carriera in Italia tra Ministero degli Affari Esteri e distaccamenti presso i Ministeri di Pubblica Amministrazione e Innovamento prima (dal 2006 al 2011), e Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca poi (dal 2011 al 2017). Infine, Benedetti arriva in Giappone dopo l’esperienza in qualità di Ambasciatore d’Italia presso lo Stato d’Israele.

Le esperienze nei distaccamenti ministeriali italiani avranno grande impatto sul lavoro dell’ambasciatore durante la sua permanenza in Giappone. Nel corso della sua carriera egli si è occupato principalmente dei settori di ricerca e sviluppo, e ha infatti promosso programmi ed iniziative volte al rafforzamento del Sistema paese in ambito di Scienza, Tecnologia ed Innovazione, oltre alla collaborazione con il settore accademico. Essendo il Giappone uno dei leader mondiali in termini di innovazione tecnologica e ricerca, uno dei punti focali del suo mandato sarà proprio quello di potenziare i rapporti bilaterali tra i due paesi e tra i loro settori produttivi. Come egli ha infatti sottolineato: “I rapporti bilaterali sono antichi e strategici. Abbiamo interessi simili, ricchissime tradizioni culturali e una forte vocazione industriale e tecnologica. Sarà un piacere lavorare per rafforzare i legami, sfruttando al massimo il potenziale di cooperazione esistente”. (@giorgiodelgallo)

 

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli