8.9 C
New York
sabato, Luglio 13, 2024

Immigrazione: documento Link2007, i numeri su ong, trasparenza e ‘taxi del mare’

ROMA, 26 MARZO – Un documento diffuso in questi giorni da Link2007, associazione che riunisce 14 organizzazioni non governative, analizza e fornisce dati sull’immigrazione e le Ong, in alcuni casi definite i ‘taxi del mare’. Ne riporta alcuni dati ‘Cronache di ordinario razzismo’.
”Di Ong si è parlato molto in Italia in questi ultimi anni. E si continua a farlo. A proposito e a sproposito” esordisce il documento che prende in esame la ‘trasparenza’ delle Ong, e le normative in atto, anche per rispondere a quella che viene definita ”la campagna di criminalizzazione di ogni forma di solidarietà in corso da tempo, con un particolare accanimento contro le Ong che hanno scelto di salvare vite umane con missioni di ricerca e soccorso in mare e contro gli enti coinvolti nella gestione del sistema di accoglienza per richiedenti asilo e rifugiati”.

I DATI DI LINK2007
Il documento ricorda innanzitutto, dati Istat alla mano, che il mondo non-profit è ampio e variegato: 343.432 enti non profit censiti al 31 dicembre 2016 che impiegano 812.706 lavoratori dipendenti, per l’84,5% a tempo indeterminato. Per la gran parte si tratta di associazioni (85,1%). Il resto è costituito da cooperative sociali (4,5%), fondazioni (2,2) e altre forme giuridiche (8,2%). Vi lavorano prevalentemente donne (71,9%). Sono invece il 13,2% della popolazione di 14 anni e più le persone che nel 2016 hanno svolto almeno un’attività gratuita in forma organizzata. Cultura, sport e ricreazione sono le attività prevalenti per la grande maggioranza degli enti (64,3%), si occupa di assistenza sociale e protezione civile il 9, 4%.
Le ong che fanno cooperazione e solidarietà internazionale sono in tutto 1.314 (l’1,17% del totale) e occupano 2.758 dipendenti, pur avendo conosciuto una crescita del 21,5% tra il 2011 e il 2016. Le loro attività sono disciplinate dalla legge 125/2014 che riconosce tra le loro priorità”la promozione dei diritti umani, la prevenzione dei conflitti, la pace, lo sradicamento della povertà, le pari opportunità, la riduzione delle disuguaglianze”.
TRASPARENZA
Un approfondimento è dedicato alle norme sulla trasparenza così come previste a seguito della riforma del terzo settore. ”Gli enti con bilanci superiori al milione di euro devono depositare il bilancio sociale presso il Registro Unico Nazionale degli enti di Terzo settore (RUNT) istituito dalla riforma, oltre che pubblicarlo sui propri siti. E quelle con bilanci uguali a o superiori a 220.000 euro, devono redigere il bilancio di esercizio (stato patrimoniale, rendiconto gestionale e relazione di missione). Gli enti con entrate inferiori, possono limitarsi al rendiconto di cassa, ma se le entrate superano 100.000 euro devono pubblicare nel proprio sito gli eventuali compensi attribuiti ai componenti degli organi di amministrazione e controllo, ai dirigenti e agli associati. ”Obblighi particolarmente stringenti sono previsti per gli enti che hanno rapporti economici con la pubblica amministrazione e in materia di raccolta fondi.
LA COOPERAZIONE E I ‘TAXI DEL MARE’
Link2007 ricorda che le ”navi delle Ong sono scese in mare perché gli Stati non c’erano più: è dovere di ogni Stato garantire piena tutela e protezione alle vittime dei traffici criminali, degli abusi, della schiavitù e dello sfruttamento. Lo si sta facendo? Evidentemente no. Di fronte all’inerzia e al cinismo dei governi questi soggetti non governativi hanno voluto e vogliono offrire almeno una risposta: salvare vite umane”
L’associazione ricorda anche che ”il blocco degli arrivi o la consegna alla guardia costiera libica dei migranti rintracciati in mare significano lasciarli in balia di un paese, la Libia, in cui violenze, torture, stupri e condizioni di detenzione inumane sono all’ordine del giorno”.
Evidenzia infine che ”dall’inizio della crisi nel 2008, pur essendo prevista dal T.U. 286/98, la programmazione dei flussi migratori, è stata di fatto bloccata. Non è stato più possibile arrivare in Italia per vie legali né per motivi economici né per chiedere asilo. I decreti riguardanti i flussi hanno autorizzato l’ingresso di poche migliaia di persone l’anno e i corridoi umanitari per richiedenti asilo sono stati sperimentati per iniziativa non dello Stato, ma della Tavola Valdese e della comunità di S.Egidio. Si è quindi – conclude il rapporto – lasciato libero spazio a criminali e mafie internazionali che hanno ingannevolmente propagandato la facilità dell’emigrazione illegale, incentivandola e sfruttandola a proprio vantaggio”.
(@novellatop, 26 marzo 2019)

Maria Novella Topi
Maria Novella Topihttps://onuitalia.com
Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli