8.9 C
New York
mercoledì, Luglio 24, 2024

Giuseppe Maria Buccino Grimaldi nuovo Ambasciatore d’Italia in Spagna

ROMA/MADRID, 1 GIUGNO – Giuseppe Maria Buccino Grimaldi e’ il nuovo ambasciatore d’Italia a Madrid al posto di Riccardo Guariglia chiamato dal Ministro degli Esteri Antonio Tajani a rivestire l’incarico di Segretario Generale della Farnesina.

“Quale ex-Direttore Generale per l’Unione Europea della Farnesina ed ex-Ambasciatore, per due volte, a Tripoli, non nascondo il mio entusiasmo nell’assumere questo nuovo prestigioso incarico proprio nel momento in cui la Spagna sarà al centro delle due principali tematiche che hanno impregnato i miei 35 anni di carriera diplomatica a Roma e all’estero: l’integrazione europea e il Mediterraneo”, ha sottolineato il neo-Ambasciatore al momento dei saluti di inizio mandato.

La Spagna assumerà il ruolo di Presidente del Consiglio Europeo nel secondo semestre del 2023, tentando di promuovere gli interessi mediterranei tanto cari anche all’Italia. Una vicinanza che non si esprime solo nell’area mediterranea, ma che vede anche comuni interessi in temi quali la transizione digitale e quella ecologica, la presenza di milioni di cittadini nei reciproci territori, uno scambio culturale e scientifico costante e prolungato. Buccino Grimaldi entra in servizio a pochi giorni dalle elezioni locali che hanno sancito la sconfitta della sinistra in carica, forzando così il Primo Ministro Sanchéz a convocare elezioni anticipate per il 23 luglio.

Buccino Grimaldi, napoletano, è entrato in carriera diplomatica nel 1988 presso la DG Affari Economici. Nel 1991 il primo incarico estero a Beirut, proprio nel momento in cui il Libano è impegnato nella ricostruzione post-guerra civile. Nel 1994 il trasferimento a Bruxelles gli permette di vedere da vicino, e contribuire, uno dei momenti topici della costruzione comunitaria europea. Dal 1994 alla Rappresentanza Permanente d’Italia, infatti, segue i rapporti con gli Stati ex-Unione Sovietica (in vista dell’allargamento “big-bang” del 2004), oltre a partecipare alla Conferenza Intergovernativa di Amsterdam. Nel 1999 il ritorno alla Farnesina, DG Affari Economici, non gli impedisce di continuare a trattare di Europa, poiché fa parte della delegazione che segue la Conferenza di Nizza. Nel 2001 è infine posto capo del neo-istituito Ufficio per l’Integrazione Europea, contribuendo alla redazione di Convenzione Europea e Costituzione (progetto poi affossato dai referendum nazionali).

Dal 2004 al 2008 il primo incarico in qualità di Ambasciatore a Doha. Poi il rientro a Roma nel distaccamento presso la Presidenza della Repubblica, dove dal 2009 è Consigliere Diplomatico aggiunto del Presidente Napolitano. Nel 2011 è inviato in qualità di Ambasciatore a Tripoli, proprio durante la destabilizzante esperienza delle Primavere Arabe, e vi farà ritorno nel 2019 sempre a capo della sede diplomatica. Nel mezzo il culmine della sua esperienza in ambito europeo, essendo stato tra il 2015 ed il 2019 Direttore Generale per l’Unione Europea.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli